Museo Marino Marini, la sentenza del Tar

Rigettato il ricorso della Fondazione sul vincolo pertinenziale. La senatrice Biti: "Vittoria che conferma il legame indissolubile tra Marino e Pistoia, Una sentenza che non lascia dubbi interpretativi. Mi auguro che, al più presto, i dipendenti del museo pistoiese possano ritornare al proprio posto, riprendendo la loro attività lavorativa"


"Apprendo con enorme piacere la notizia che il TAR della Toscana ha rigettato il ricorso della Fondazione “Marino Marini”, in merito al vincolo pertinenziale che riguardava la richiesta di ricongiungere le opere del maestro pistoiese nel museo fiorentino di Piazza S. Pancrazio. Le opere, custodite a Pistoia all’interno del Palazzo del Tau - come da volontà espressa dalla vedova di Marino in atto notarile del 1983 - qui devono restare. È una vittoria che conferma il legame indissolubile tra Marino e Pistoia, con una sentenza che non lascia dubbi interpretativi. Mi auguro che, al più presto, i dipendenti del museo pistoiese possano ritornare al proprio posto, riprendendo la loro attività lavorativa. Mi aspetto, vista la sentenza, che il sindaco e l’amministrazione comunale di Pistoia, appena la situazione sanitaria lo renderà possibile, avviino il percorso di riapertura del museo “Marino Marini” e di tutte le attività ad esso collegate, per restituire alla città il suo artista più famoso". Così la senatrice Caterina Bini dopo la sentenza del Tar toscano.

Redazione Nove da Firenze