Morta Mariangela Gabriele, Maggio Musicale in lutto

ph Facebook Maggio Musicale

Aveva 35 anni e lavorava per l'istituzione fiorentina da dieci anni: nel settore marketing ed era un punto di riferimento sorridente ed efficace. Il commosso ricordo dei colleghi


Se ne è andata molto giovane, a 35 anni, portata via da una malattia tanto breve quanto inesorabile. Mariangela Gabriele, punto di riferimento fondamentale per gli Eventi del Maggio Musicale fiorentino (lavorava per il Teatro da 10 anni), se ne è andata stanotte lasciando sgomenti parenti, amici e colleghi. I quali con un bellissimo e commovente post su Facebook, la ricordano con queste parole:

Mariangela Gabriele, e la forza di un sorriso.

In teatro, prima che si presentasse lei, arrivava la sua risata fresca e leggera e coinvolgente; subito dopo per prima cosa quando ti appariva davanti notavi, infatti, il suo viso bello e raggiante, gli occhi vispissimi e quel sorriso subito contagioso che rendeva tutto facile, tutto più semplice, tutto affrontabile e tutto risolvibile. E se non fosse bastato questo comunque lo sottolineava a voce: “Che vuoi che sia? Ora lo facciamo!” E lei affrontava, gestiva, risolveva come se tutto fosse semplice e per nulla complicato. Non è stato così per lei. La nostra amatissima, simpaticissima, brava e competente collega e amica Mariangela, la nostra deliziosa sorridente, giovanissima Mari, Mariangela Gabriele, è spirata stanotte dopo una rapidissima quanto inesorabile malattia. A chi di noi nel corso di queste veloci settimane le chiedeva notizie rispondeva, nonostante la situazione, con la sua solita predisposizione all’ottimismo e alla positività: “va bene così, va bene così!” Mariangela, siamo tutti, a partire da Dario Nardella, sindaco di Firenze e presidente del Maggio, al Consiglio di indirizzo, al sovrintendente Alexander Pereira, al maestro Zubin Mehta, a Pierangelo Conte, tutti i colleghi, tutti ma proprio tutti in teatro, tutti siamo increduli e tristi. Ed è grazie alla potenza dei tuoi sorrisi, alla forza della tua umanità, al valore della tua amicizia che oggi affrontiamo assieme alla tua famiglia e al tuo compagno il grande dolore del tuo allontanarti terreno da noi. Che la terra ti sia lieve deliziosa e radiosa Mariangela, che ti sia lieve come tu hai saputo rendere lieve il percorso quotidiano che abbiamo condiviso assieme a te.

ps Cara Mariangela, stiamo ricevendo, anzi stai ricevendo, una quantità enorme di messaggi di ricordo e di dolore. E la partecipazione è unanime: i colleghi del Coro, i colleghi dell’Orchestra, il sindaco Nardella, l’assessore Sacchi, l’assessore Cecilia Del Re, il vicepresidente Valdo Spini, il sovrintendente Pereira, il maestro Mehta, il Rettore dell’Università Luigi Dei, il direttore del Conservatorio Paolo Zampini, i giornalisti, molte persone del pubblico, molti abbonati, e poi Cristiano Chiarot, Alberto Triola, Paola Calvetti, Daniele Milazzo, Carlo Gobbi, i colleghi di anni e passati che ora lavorano altrove e quelli più recenti (coi loro nomi ne aggiungeremmo a centinaia e guarda che non manca nessuno), le aziende per le quali tu eri la collaboratrice del Maggio più che efficiente, e Luca Fabi, Massimo Gramigni,... hai seminato dolcezza e luce che germoglia in quelli che ti hanno conosciuta e che ti stanno ringraziando e ricordando, sgomenti, con sincerità e affetto

Redazione Nove da Firenze