"Mobike elettriche, con almeno 8 mesi di ritardo"

Bundu e Palagi (SPC) crticano la Giunta comunale


"Era agosto 2019, quando il Sindaco della Città di Firenze aveva deciso di annunciare l'arrivo delle biciclette a pedalata assistita, con tanto di foto del modello della stessa compagnia di sharing già presente in Città. Nel frattempo la Mobike ha cambiato di proprietà, passando dalla Cina all'Europa e la Giunta non ha mai risposto alle nostre domande di questi mesi". Così Dmitrij Palagi, Antonella Bundu - Sinistra Progetto Comune. 

"Doveva arrivare il bando entro fine 2019 - proseguono i consiglieri comunali - . Poi entro poche settimane dall'inizio del 2020. Nel frattempo è passato un anno e rispetto all'annuncio del Sindaco ci sono almeno otto mesi di ritardi.
L'Assessore alla mobilità e il Sindaco non si sono mai degnati di dirci quali siano stati i problemi riscontrati. A noi risulta che ad agosto 2019 si decise di dare una notizia senza aver prima verificato le condizioni con il gestore. Per questo si è aspettato tanto per il bando?
Inoltre stiamo chiedendo da tempo un ragionamento sulla gestione dei dati, anche da parte degli operatori privati che offrono servizi sul territorio fiorentino. Ovviamente senza nessun riscontro.
Che essere avanguardia delle tecnologia, per questa maggioranza, vuol dire solo videosorveglianza sul modello cinese, ignorando completamente le alternative di cui si discute a Barcellona (per fare un esempio)", concludono Bundu e Palagi.

Redazione Nove da Firenze