Mercato centrale, boom di spese a casa: 20mila in 50 giorni

foto Agenzia Dire

Firenze; la media è di 400 al giorno, grande successo per le 37 (su 98) botteghe che hanno aderito. Il presidente Massimo Manetti: "Il servizio rimarrà in piedi anche a emergenza Coronavirus terminata". L'assessore Gianassi: "Iniziativa fondamentale"


(DIRE) Firenze, 7 mag. - Ventimila spese consegnate a domicilio negli ultimi 50 giorni, con una media di 400 al giorno. E' il bilancio dello storico Mercato Centrale di San Lorenzo, a Firenze. Uno spazio che, una volta annunciato il lockdown, ha organizzato il servizio di consegna porta a porta a cui hanno aderito 37 delle 98 botteghe del piano terra del mercato. "Dopo 146 anni di storia, ci siamo reinventati per salvare le nostre aziende e offrire un servizio ai fiorentini che per motivi di salute o per evitare le lunghe code ai supermercati non sono potuti uscire di casa", spiega il presidente del consorzio del Mercato Centrale, Massimo Manetti. "In questa emergenza l'iniziativa di portare la spesa a casa si è rivelata fondamentale", aggiunge l'assessore al Commercio Federico Gianassi, "perché ha evitato che in tanti uscissero rischiando il contagio. Moltissimi fiorentini hanno così scoperto un servizio utile come la consegna a domicilio, che potrebbe rimanere una comoda abitudine anche dopo l'emergenza".

Il consorzio, infatti, ha deciso "di mantenere il servizio anche quando l'emergenza sarà finita. Stiamo già lavorando a una riorganizzazione che permetta alle persone di ordinare anche tramite il nostro sito o chiamando ad un numero unico", conclude Manetti.
(Dig/ Dire)

Redazione Nove da Firenze