Maltempo: risarcimento per danni e disagi provocati da Enel

Il sindaco di Monteriggioni Raffaella Senesi: “Inaccettabile la mancanza di energia elettrica in alcune zone dopo oltre 36 ore”


Firenze, 31 ottobre 2018- “Il Comune di Monteriggioni chiederà a Enel il risarcimento dei danni e dei disagi provocati a decine di famiglie sul nostro territorio e, in particolare, a quelle che vivono a Santa Colomba e nella zona della Miniera, vicino Badesse, dove manca l’energia elettrica ancora oggi, a oltre 36 ore di distanza dagli eventi metereologici eccezionali di lunedì scorso”. E’ quanto afferma Raffaella Senesi, primo cittadino di Monteriggioni a margine dell’incontro che si è svolto questa mattina, mercoledì 31 ottobre presso la Prefettura di Siena per stabilire gli interventi tesi a risolvere le criticità ancora presenti sul territorio provinciale. “E’ inaccettabile - continua Senesi - che ci siano ancora parti del nostro territorio senza energia elettrica. L’ondata eccezionale di maltempo ha provocato danni in molte zone, dove gradualmente la situazione è tornata alla normalità con gli interventi di Enel e Acquedotto del Fiora aiutati da tecnici e operai dell’amministrazione comunale, Polizia municipale e forze dell’ordine. Ancora oggi, però, gli abitanti di Santa Colomba e della zona della Miniera sono senza energia elettrica e senza acqua e questo sta provocando seri disagi a famiglie intere. Il Comune sta monitorando costantemente la situazione ed è in contatto con tutti i soggetti coinvolti per far fronte all’emergenza, ma chiederemo a Enel di assumersi le responsabilità di questi disagi nel rispetto degli utenti e dei loro diritti al servizio”. 

E-Distribuzione informa i clienti nelle aree colpite dal maltempo che per interruzioni prolungate del servizio, di durata superiore a determinati limiti, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente prevede l’erogazione di indennizzi automatici, per i quali quindi non è necessario che i clienti presentino alcuna richiesta, direttamente nella bolletta elettrica. Gli importi saranno calcolati sulla base di parametri stabiliti dalla Autorità stessa, quali la durata dell’interruzione, il numero di abitanti della zona interessata e la tipologia della fornitura. Gli indennizzi verranno trasferiti da E-Distribuzione a ciascun venditore decorsi 60 giorni dalle interruzioni. A tali tempi vanno aggiunti quelli necessari ai venditori per trasferire il rimborso ai clienti direttamente in bolletta. In particolare, hanno diritto all'indennizzo automatico i clienti di bassa tensione che subiscono un’interruzione di almeno 8 ore nei comuni con più di 5 mila abitanti e di almeno 12 ore nei comuni più piccoli. Per quanto riguarda i clienti in media tensione, saranno indennizzati coloro che hanno subito interruzioni di almeno 4 ore nei comuni con più di 5 mila abitanti e di almeno 6 ore nei comuni più piccoli. Per ogni ulteriore informazione e richiesta specifica, E-Distribuzione ricorda che è possibile contattare il numero verde 800 08 55 77 (attivo dal lunedì al venerdì, dalle 9:00 alle 18:00, e il sabato dalle 9:00 alle 13:00) o accedere al sito e-distribuzione.it.

Redazione Nove da Firenze