Leopolda 2019: a Firenze Renzi lancia la decima edizione e le iscrizioni sono oltre 20mila

Conto alla rovescia per la convention che animerà la vecchia stazione di Porta al Prato da venerdì 18 ottobre (ore 19) a domenica 20 ottobre quando il leader di Italia Viva farà il discorso finale. Molti del Pd decideranno all'ultimo minuto se andare o no


"Vado o non vado?", questo l'interrogativo di tanti amministratori e iscritti al Pd che però sono anche estimatori di Matteo Renzi, fresco di fondazione del nuovo partito Italia Viva. Certamente, il sindaco di Firenze Dario Nardella parteciperà mentre il governatore della Toscana Enrico Rossi no ("i renziani sono in competizione con il Pd", sostiene).

Pare che molti decideranno all'ultimo minuto ma il tempo è tiranno: il conto alla rovescia è ormai agli sgoccioli, domani venerdì 18 ottobre alle 19 la Leopolda numero 10 inizia con un aperitivo. A seguire, la prima sessione dei lavori che riprenderanno sabato 19 ottobre alle 9,30 per concludersi alle 20,30. Verso le 17,30 dovrebbe essere svelato il simbolo di Italia Viva. 

Domenica 20 ottobre il gran finale con i tavoli che si riuniranno ancora verso le 9,30 per poi sciogliersi in attesa della conclusione di Matteo Renzi che dovrebbe pronunciare la sua attesa conclusione dopo il discorso del ministro dell'Agricoltura Teresa Bellanova assieme a Ettore Rosato e Maria Elena Boschi tra i più attivi in questa fase iniziale.

Questo il programma della convention cuore del renzismo, che quest'anno ha avuto oltre 20mila registrazioni on line e l'adesione di circa 2mila Comitati civici "di azione civile - ritorno al futuro".

Il senatore di Firenze e leader di Italia Viva, che ad appena 44 anni ha già ricoperto cariche molto importanti come Sindaco di Firenze, Segretario del Partito Democratico e Presidente del Consiglio si è lanciato in questa avventura con un entusiasmo paragonabile a quello degli esordi ed è pronto a riprendersi la scena della politica italiana.

I sondaggi per Italia Viva sono oscillanti e danno il suo partito tra il 4,3 e il 5,6% ma Renzi a molti appare già il vero dominus della politica tricolore: anche in questa fase ha determinato gli sviluppi della legislatura facendosi promotore del governo Pd - Cinque Stelle ed impedendo così a Salvini di raggiungere il risultato delle elezioni anticipate.

Antonio Patruno