Leopolda 2018, Matteo Renzi: "Ma che strano, i 5 Stelle hanno scelto lo stesso weekend"

L'appuntamento alla Stazione Leopolda avrà inizio alle 21 di venerdì 19 ottobre


Matteo Renzi riprende l'attività di professore a contratto presso la sede fiorentina dell'Università di Stanford alla fine delle riprese per il documentario su Firenze. L'ex presidente del Consiglio ha appena inaugurato sul proprio sito una sezione "Bufale"."Chi ha voglia di combattere per quella che noi definiamo una "Resistenza Civile" si iscriva subito alla Leopolda, il 19-20-21 ottobre. Quest'anno ne vedremo delle belle. Si inizia alle 21 di venerdì 19 ottobre. Parleremo molto di futuro. Ma non mancherà un occhio a ciò che sta combinando il Governo anche perché la contro-programmazione di Rocco Casalino ha organizzato per lo stesso weekend (ma che strano) la kermesse nazionale dei Cinque Stelle con Grillo, Casaleggio e Di Maio.

 Il loro obiettivo è abbassare la nostra visibilità: sicuramente avranno loro le dirette, i media, le aperture. Ma in realtà ci fanno un regalo: sarà chiara la differenza tra due Italie diverse, la loro e la nostra. Entro la settimana vi invierò una newsletter ad hoc sulla Leopolda. Ora però chiedo a chi non l'ha fatto di preiscriversi, perché abbiamo un boom di richieste che dobbiamo gestire sotto il profilo organizzativo".

 Sul Partito Democratico. "Trovo bellissimo che il PD per una volta abbia messo da parte le polemiche interne e abbia mostrato che un'opposizione c'è ed è viva. Lo abbiamo fatto ieri a Piazza del Popolo, dobbiamo farlo tutti i giorni. Ho replicato a Salvini che parlava di "quattro gatti in piazza" e a Di Maio che ci accusa di "terrorismo mediatico", dopo avermi dato dell'assassino. Saranno mesi difficili, amici. Perché le scelte di questo Governo fanno male all'Italia di chi lavora. Il governo populista fa contento chi vuol stare sul divano ad aspettare i soldi del reddito di cittadinanza o chi evade le tasse in attesa del prossimo condono. Ma la gente che lavora, che suda, che fa fatica sarà penalizzata dalle scelte folli di Salvini e Di Maio".

Redazione Nove da Firenze