Rubrica — Fiorentina

L'andata delle semifinali di Coppa Italia a Firenze

Fiorentina-Atalanta in programma mercoledì 27 febbraio. Una sconfitta ieri a Torino per i bergamaschi


Equilibrio in Fiorentina-Atalanta, in calendario mercoledì sera al Franchi. A dirigere l’andata delle semifinali di Coppa Italia sarà il signor Doveri, alle ore 21:00. Il Milan domani scenderà in campo contro la Lazio. Le due squadre si sono incontrate proprio a Firenze nel settembre scorso e la Fiorentina ha festeggiato un 2-0. La sessione di allenamento di martedì 26 febbraio si svolgerà alle 18:00 allo Stadio Artemio Franchi e sarà aperta al pubblico.

Nella 25ª giornata della Serie A, battuta d'arresto per i bergamaschi allo stadio Olimpico Grande Torino. I tre punti vanno al Torino che vince 2-0 grazie a un gol per tempo. Gara combattuta fin dai primi minuti e molto equilibrata. Gasperini perde dopo 18' Gosens per infortunio e inserisce Kulusevski. È nerazzurra la prima occasione per sbloccare la partita: al 23' Mancini si libera bene in area ma il tiro viene respinto da Sirigu, poi Castagne di testa non trova la porta per una questione di centimetri. Gara che si sblocca al 42': Izzo dopo una carambola in area, trova lo spiraglio vincente. Nella ripresa subito la doccia gelata: passano pochi secondi dal rientro in campo e Iago Falque raddoppia, mettendo la partita ancora più in salita. Sotto di due gol i nerazzurri ci provano, ma il Torino concede poco, tiene il 2-0 e si prende i tre punti.

Archiviata la gara con il Torino, Atalanta subito al lavoro questa mattina al Centro Bortolotti, complice il fatto di aver eliminato la Juventus, è la prima pretendente al trofeo delle quattro squadre rimaste in competizione. La squadra ha lavorato divisa in due gruppi in base al minutaggio di ieri. Scarico per chi ha giocato con il Torino, mentre per gli altri palestra, lavoro con la palla e partitelle. Papu Gomez si è allenato col gruppo che non ha giocato nella partita di Torino. Corsa sul campo per Gosens. Domani è in programma un allenamento a porte chiuse, sempre al Centro Bortolotti.

Redazione Nove da Firenze