La verità su David

E' l'obiettivo della ricerca del COSPE Onlus


In attesa di ricevere formalmente il referto scritto da parte della Procura della repubblica di Capoverde, comunichiamo che COSPE ha deciso di assumere un avvocato locale, che più da vicino potrà seguire le indagini, garantire la correttezza del loro svolgimento, nel rispetto delle richieste della famiglia e delle procedure, e anche per assicurare sicurezza e protezione legale al nostro personale in loco.

“David era uno di noi e per questo COSPE si sente coinvolto in prima persona nella ricerca della verità sulla sua tragica morte -dichiara Giorgio Menchini, presidente COSPE. Pur rinnovando la fiducia nell’operato degli inquirenti, non abbasseremo la guardia e continueremo a fare pressione perché tutto sia chiarito, fino a costituirci parte civile in caso di processo. In questo momento sono sul posto i familiari e a breve arriveranno sull’isola altri colleghi di COSPE. Insieme speriamo di avere al più presto il quadro chiaro di quanto accaduto nella notte tra il 30 aprile e il primo maggio. La ricerca della verità non ci restituirà David, per noi una grande perdita umana e professionale, ma per lo meno servirà a definire i contorni di questa terribile vicenda e a dargli giustizia in caso siano accertate responsabilità di terzi. In questo momento a Fogo si sta svolgendo una commemorazione di David con tutti i partner di progetto. A lui è stata dedicata la dodicesima “mesa di dialogo”, incontro mensile previsto tra tutti gli attori del territorio per uno sviluppo partecipato del turismo sull’isola. L’ultima era stata presieduta da David insieme alla nostra rappresentate paese Carla Cossu (nella foto). Alla fine dell’incontro tutti i ricordi saranno raccolti in un album che verrà consegnata alla famiglia”.

Redazione Nove da Firenze