La Lega: "Aprire la Ztl aiuterebbe Firenze a ripartire"

Bussolin e Montelatici: “Se resta chiusa il Centro Storico è condannato. Il Pd ha costruito una città su misura per il turismo”. Proposta bocciata dal Consiglio comunale


“Capisco il desiderio di una mobilità sostenibile – dichiara il Capogruppo della Lega Federico Bussolin – ma per Firenze servono risposte concrete e immediate per non lasciare il centro storico isolato dal resto del mondo. Il PD ha costruito una città su misura per il turismo, settore azzerato in città così come in Italia per molto tempo, motivo per cui aprire la ZTL faciliterebbe Firenze a ripartire e, con essa, i suoi esercizi commerciali. Ci viene risposto che sarebbe come aprire le porte dell’inferno, personalmente avrei riposto più fiducia nei fiorentini”.

“Ci dispiace – prosegue Bussolin – che a fronte di una proposta seria sui parcheggi e sull’apertura della ZTL, dal fronte della maggioranza ci sia il nulla, con qualche previsione di monopattini elettrici. Chi ne esce sconfitta non è la Lega – conclude Bussolin – ma la categoria economico produttiva della città del Centro Storico, senza turisti e sicuramente con pochi fiorentini”.

La maggioranza – dichiara il Consigliere Antonio Montelatici – ci spiega che l’apertura della ZTL non è possibile in quanto mancano i parcheggi, hanno ragione, ma l’aver lasciato il Centro Storico di Firenze in balia delle soste selvagge deriva dall’incapacità di aver realizzato nuovi parcheggi. Si discute da mesi – conclude Montelatici – di un nuovo parcheggio in Piazza del Cestello, ma ancora non abbiamo capito cosa vuole fare l’Amministrazione comunale. Si avvii subito, un grande piano d’investimenti sui parcheggi. Solo così potremo migliorare la mobilità cittadina, non con la chiusura della ZTL, ma con nuove aperture di parcheggi”.

Redazione Nove da Firenze