La Fiorentina torna con sofferenza alla vittoria

Subito in vantaggio i viola rischiano di farsi raggiungere da un Udinese non trascendentale. In luce Dragowski,Amrabat e Castrovilli. Ritmo lento, scarsa incisività in avanti,amnesie difensive.


La Fiorentina riesce a vincere una gara che ha evidenziato le gravi carenze di gioco di una squadra che ha difficoltà in attacco, a centrocampo e in difesa. Il risultato salva, al momento, la panchina di Beppe Iachini ma non rimuove le critiche sulla conduzione tecnica di una squadra che avrebbe le risorse per esprimere un gioco migliore. Due volte in vantaggio i viola hanno sofferto sino all'ultimo minuto la paura di essere raggiunti come successo nell'ultima gara con lo Spezia. Buona la partita di Castrovilli che segna una doppietta. Bene Amrabat e Dragowski. Insufficiente la prova degli attaccanti mal serviti e poco incisivi.

La Fiorentina parte abbastanza bene e passa in vantaggio al decimo minuto, dopo una buona azione Callejon- Bonaventura. Biraghi, conclusa da Castrovilli che realizza. La Fiorentina tiene un ritmo basso, non verticalizza, Nessuno si muove senza palla. L'Udinese si muove abbastanza bene. Al quindicesimo i viola rischiano con Dragowski che sbaglia in uscita, ma riesce a salvare sull'accorrente Lasagna. La Fiorentina riesce ,comunque, a raddoppiare al ventesimo con Milenkovic che di testa mette in rete su assist di Castrovilli. L'Udinese è insidiosa e dopo la mezzora la difesa viola si trova talvolta sbilanciata dalle veloci ripartenze dei friulani.

Al trentunesimo un pallone pericoloso in area è salvato da Caceres, mentre al trentaseesimo Lasagna salta Caceres e chiama Dragowski a un grande intervento. Al 37' s'infortuna Pezzella ed è sostituito da Quarta. Non gioca bene la Fiorentina e subisce la maggior velocità dell'Udinese che accorcia le distanze sul finire del tempo grazie a un colpo di testa di Okaka su assist di De Paul.

Nella ripresa la Fiorentina riparte con slancio e trova al sesto minuto il terzo gol con un bel tiro all'incrocio dei pali Castrovilli. La gara nonostante tutto non è finita. I viola hanno difficoltà a gestire la gara. Abbassano il baricentro, mentre l'Udinese fa la partita esercitando un costante possesso palla, Al sedicesimo Dragowski si oppone con bravura a un gran tiro di Okaka. Al ventesimo Iachini toglie Vlahovic e Callejon e schiera Kouame e Cutrone. Il cambio degli attaccanti non riesce ad allungare la squadra. I viola arretrano e al 27' è di nuovo un buon intervento di Dragowski a salvare il risultato. La Fiorentina non riesce a stare tranquilla. Subisce il gioco dell'Udinese che riesce a riaprire la partita al 41 : cross di Forestieri da sinistra per Okaka, che anticipa i difensori viola e di testa la mette dentro per un pericolosissimo 3-2. che evoca i fantasmi della gara con lo Spezia. La difesa viola balla, l'Udinese preme .I cinque minuti di recupero si giocano sui nervi. La Fiorentina cerca di tenere il pallone. Poi arriva il fischio finale liberatorio che regala tre punti alla Fiorentina. Una vittoria meritata ma troppo sofferta.

Queste le parole di Beppe Iachini ai microfoni di Sky Sport: “Nel calcio ci sono momenti e in queste prime giornate non abbiamo avuto quel pizzico di buona sorte in più. Oggi era una partita tosta, contro una squadra molto fisica, i ragazzi sono stati bravissimi a tenere la testa fredda e il cuore caldo, con un’attenzione giusta. Nonostante abbiamo riperso capitan Pezzella, i ragazzi sono stati bravi. Stiamo segnando tanto, non è da noi prendere qualche gol in più, dobbiamo continuare a lavorare. Sono convinto che arriveranno i punti giusti”.

“Paura in campo? Quando ti manca qualche risultato, soprattutto se vieni ripreso come con lo Spezia, è normale che quando passi in vantaggio e poi prendi un gol ti subentra un po’ di timore in più. Nei momenti del campionato può succedere, però bisogna tenere la testa sul campo. Non era una partita semplice, vedevo i ragazzi tesi nel prepartita e non dovevano esserlo perché il calcio è fatto per divertirsi. Oggi c’era un po’ di tensione, è una piccola cosa che ti porti in campo. Speriamo che questa vittoria porti loro fiducia per tornare a fare quello che hanno fatto nel finale dello scorso campionato e all’inizio di questo”.

Ha parlato anche il presidente Commisso: al media ufficiale viola: “Abbiamo sofferto molto, in tutte le partite fino ad oggi. Oggi grazie al Signore abbiamo vinto, i ragazzi hanno fatto un bel regalo a me e mia moglie per il nostro 45° anniversario di matrimonio. Castrovilli ha fatto due gol, adesso aspettiamo i gol degli attaccanti, spero arrivino prima possibile”

Fiorentina-Udinese 3-2

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Pezzella (39' pt Quarta), Caceres; Lirola (34' st Venuti), Bonaventura (34' st Pulgar), Ambrabat, Castrovilli, Biraghi; Callejon (20' st Cutrone), Vlahovic (20' st Kouame). Allenatore: Iachini.

UDINESE (3-5-2): Nicolas; Becao, De Maio, Samir (37' st Bonifazi); Molina, De Paul, Arslan (9' st Walace), Pereyra (37' st Forestieri), Ouwejan (9' st Pussetto); Okaka, Lasagna (24' st Deulofeu). Allenatore: Gotti.

Arbitro: Fourneau di Roma

Reti: 10' pt Castrovilli; 20' pt Milenkovic, 43' pt Okaka, 6' st Castrovilli; 41' st Okaka

Note: ammoniti Arslan, Castrovilli, Pussetto, Becao

Alessandro Lazzeri