La Fiorentina è sconfitta dall'Inter

Dopo un primo tempo, giocato alla pari nonostante il vantaggio nerazzurro, la Fiorentina si arrende nella ripresa alla netta superiorità degli avversari. Bene Dragowski, Bonaventura e Quarta. Esordio di Kokorin e Malcuit.


Una Fiorentina volenterosa e rimaneggiata ha cercato di opporsi alla forza dei nerazzurri. Ha mostrato ordine e buone trame di gioco ma è stata trafitta nel primo tempo da un gran gol di Barella per subire poi all'inizio della ripresa il raddoppio di Perisic.

La partita è abbastanza divertente. La Fiorentinapur priva di Milenkovic, Castrovilli e Ribery, riesce a essere ordinata e propositiva almeno per un tempo. L'Inter è subito arrembante,. Al quinto minuto, dopo una bell'azione di Sanchez, Barella ha una grande occasione ma il suo tiro è vanificato da una grande parata di Dragowski. Al dodicesimo sono i viola a provarci in contropiede ma il buon tiro di Eysseric finisce fuori di un soffio. L'Inter preme ma i viola si difendono con ordine e attenzione. La differenza tra le due squadre si concretizza alla mezzora quando Barella s’inventa un tiro capolavoro imprendibile anche per l'ottimo Dragowski. I viola reagiscono e al 36' Bonaventura colpisce la traversa e un momento dopo Handanovic para un tiro di Biraghi. La squadra viola vive un buon momento e cerca il pari con un tiro di Quarta e sul finire del tempo ci prova anche con un tiro di Eysseric che Lukaku respinge davanti alla porta,

Il primo tempo si chiude con il vantaggio nerazzurro che penalizza una Fiorentina che non ha demeritato. Nella ripresa Prandelli prova a inserire un secondo attaccante e schiera Kouame al posto di Borja Valero. E' una scelta che cambia l'assetto della squadra e non da i risultati sperati. I viola non riescono a essere pericolosi e i nerazzurri trovano il raddoppio al sesto minuto: grande azione di Hakimi che salta con facilità Igor, serve Perisic che mette in rete. I viola accusano il colpo e non riescono a reagire. L'Inter dilaga e segna ancora al decimo con Lukaku ma la rete è annullata per fuorigioco. I nerazzurri ci provano ancora con Lukaku al diciottesimo ma la sfera è deviata in angolo da Quarta. I viola non riescono a costruire azioni e a portarsi in avanti. L' Inter si rende pericolosa prima con Perisic al ventesimo, poi un minuto dopo con Gagliardini ma Dragowski si oppone con due grandi interventi. Prandelli fa esordire Kokorin e Malcuit ma la gara non cambia. I Viola, dopo il secondo gol interista, hanno perso anche quella determinazione che aveva permesso alla squadra di Prandelli di giocare quasi alla pari contro l'attrezzatissima armata nerazzurra. Finisce con una sconfitta che poteva essere più netta se non ci fossero stati gli interventi di Dragowski, di gran lunga il migliore dei viola.

Cesare Prandelli ha dichiarato a Sky: “L’Inter ha meritato la vittoria, mi prendo la reazione che abbiamo avuto dopo il primo gol. Con un po’ di fortuna potevamo pareggiare. Abbiamo sbagliato alcune giocate in uscita ma dobbiamo riconoscere la forza dei nostri avversari. Le scelte sono state obbligate. Pulgar sta vivendo un momento particolare. Dopo il Covid ha avuto qualche momento di tristezza, ma ci sta, sono ragazzi giovani che vivono lontano dalla famiglia. Sono state scelte obbligate ma Eysseric ha fatto una buona partita, Borja ha dato qualità nel primo tempo. Poi abbiamo cercato di osare con le due punte, ma come può accadere, puoi fare meno bene rispetto a quando dai meno riferimenti. Poi dobbiamo dare anche i meriti agli avversari, oltre a cercare le colpe. Se noi siamo consci dei nostri limiti, possiamo fare delle buone partite. È un campionato strano, dove prepari le partite e poi devi fare dei cambi per tanti motivi. È una squadra nata in un certo modo, non è facile cambiarla in queste settimane. Ma abbiamo fatto buone gare, e come ho sempre detto, bisogna pensare intanto a salvarci, e a nient’altro. Dimentichiamo in fretta questa partita”.

Fiorentina-Inter 0-2

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Martinez Quarta, Pezzella, Igor; Venuti (27' st Malcuit), Amrabat, Borja Valero (1' st Kouame), Bonaventura, Biraghi (36' st Barreca); Eysseric (27' st Pulgar), Vlahovic (27' st Kokorin). Allenatore Prandelli

INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Vidal (1' st Gagliardini), Perisic (34' st Darmian); Sanchez (16' st Lautaro Martinez), Lukaku (43' st PInamonti). Allenatore: Conte (squalificato), in panchina Stellini.

Arbitro: La Penna di Roma

Rete: 31' pt Barella, 6' st Perisic

Note: ammoniti Perisic, Amrabat, Quarta, Pulgar

Alessandro Lazzeri