La carta geografica della Toscana in ogni scuola

Il presidente del Consiglio regionale Mazzeo ha incontrato il comandante dell’Istituto geografico militare Tornabene. “Troveremo risorse perché la rappresentazione grafica della regione accompagni il percorso di studio dei nostri giovani. Il momento difficile impone serietà e la collaborazione attiva di tutti”


Firenze – Una cartina geografica della Toscana in ogni scuola. È l’idea del presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, nata nel corso del colloquio con il comandante dell’Istituto geografico militare Pietro Tornabene.

L’incontro e lo scambio di opinioni avuto questa mattina, culminato col dono da parte del comandante proprio di una cartina della Toscana realizzata dall'Istituto, ha convinto il presidente dell’opportunità di “accompagnare il percorso di studi degli studenti toscani donando loro la rappresentazione grafica del territorio che abitano”. “Come ben osservato da Tornabene, spazio e tempo sono strettamente legati e connessi. Il primo è la geografia, il secondo la storia. Entrambi devono essere basi fondanti di cultura e conoscenza”.

Il colloquio è stato anche l'occasione per una riflessione sul difficile periodo che tutto il Paese sta attraversando alla luce dell'emergenza Coronavirus. “Quello che stiamo vivendo – ha proseguito Mazzeo - è un periodo drammatico tanto dal punto di vista sanitario che economico. Vedere ristoranti e bar chiusi, interi settori produttivi in sofferenza, fa male e fa ancora più male sapere di non avere risposte certe da dare. Ma laddove possiamo incidere anche in minima parte, ad esempio pensando a un contributo di cultura e conoscenza per i ragazzi delle nostre scuole, credo che sia doveroso da parte delle istituzioni provare a farlo”.

“Doveri e diritti devono viaggiare di pari passo, restare legati, e compresi nel loro significato più profondo” ha continuato Mazzeo incontrando la piena condivisione di Tornabene: "Occorre parlare alla gente, limitare i litigi e lavorare allo sviluppo della società”. Questa, a detta del comandante, è una “base fondamentale da consolidare”. “La serietà, quella che mette al centro il dovere e il rispetto dell’altro, così come il dialogo competente” sono stati altri punti toccati dal comandante.

E nel donare una “aggiornatissima carta geografica Toscana” al presidente Mazzeo, il comandante ha infine rilevato la necessità, per le nuove generazione, di staccarsi un po’ dalla digitalizzazione”. “I nostri ragazzi sono sempre più disattenti. Lo strumento cartaceo, soprattutto nella cartografia, continua a mantenere intatto il suo senso”. Proprio da qui, l'idea di lavorare nei prossimi mesi a un protocollo che, oltre al Consiglio regionale e all'Istituto geografico militare, possa coinvolgere anche l'Ufficio scolastico regionale per definirne le migliori modalità di attuazione.

Al termine della visita il comandante Toranbene ha firmato in calce una sua dedica di amicizia nel libro degli ospiti riservato agli incontri ufficiali nella sede del Consiglio.

Redazione Nove da Firenze