Immigrati, il vicepresidente del Consiglio regionale Stella (Fi): “In Provincia di Firenze sono 1.400 e costano 1,5 milioni al mese”

L’assessore Funaro replica: “Siamo alle solite affermazioni imprecise fatte solo per creare allarmismo. Dovrebbe ben sapere che il Comune non mette risorse per l’accoglienza dei profughi e che non ha fatto tagli ai servizi per anziani e bambini”


Firenze, 19 agosto 2015– “In Provincia di Firenze, a oggi, i nuovi migranti sono 1400. Come prevedono le disposizioni in materia, il costo medio per l’accoglienza di un richiedente asilo o rifugiato è di 35 euro al giorno.Questo significa che il costo totale mensile, a carico dei fiorentini, è di un milione e 470mila euro, che annualmente significa 16milioni e 670mila euro: sono numeri che vanno fatti conoscere, in modo che i cittadini possano valutare liberamente”. Lo afferma il coordinatore cittadino di Forza Italia Firenze, Marco Stella. “Credo sia opportuno anche evidenziare – prosegue Stella – che di questi 35 euro, solo 2 vanno direttamente agli immigrati sotto forma di ‘pocket money’ o carte telefoniche. Ci piacerebbe quindi che gli enti locali ci presentassero nel dettaglio il loro piano, visto che gli enti locali che decidono di partecipare al bando Sprar (Sistema di protezione e accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo) hanno l’obbligo di presentare un piano finanziario che deve essere approvato da una commissione formata da rappresentanti del Ministero dell’Interno, dell’Unhcr e delle istituzioni locali". Quanto al vicesindaco di Palazzo Vecchio, Cristina Giachi, “che ci ricorda l’obbligo di legge di accogliere i profughi, vorrei far notare – aggiunge il coordinatore cittadino di Forza Italia – che in primo luogo c’è da dimostrare che questi migranti siano tutti profughi, e sappiamo benissimo che solo una minoranza di loro lo è. In secondo luogo, riteniamo e continuiamo a ritenere profondamente ingiusta la disparità di trattamento tra i migranti, dotati di ogni assistenza, e tanti italiani che non riescono più ad arrivare a fine mese, e che vanno a ingrossare le fila dei nuovi poveri: noi, prima, pensiamo a loro”.

“Siamo alle solite affermazioni imprecise fatte solo per creare allarmismo. Per l’ennesima volta infatti Stella dimostra di parlare di argomenti che non conosce, facendo dichiarazioni tanto per fare che hanno il solo fine di seminare paura tra i fiorentini, a proposito di temi delicati come l’immigrazione e l’accoglienza dei profughi”. Così l’assessore all’integrazione Sara Funaro replica al vicepresidente del Consiglio regionale Stella (Fi). “Stella dovrebbe sapere che la ripartizione dei profughi non la decidono le Città metropolitane ma viene decisa a livello nazionale in base alla popolazione delle varie aree”, spiega l’assessore. Che aggiunge: “Inoltre, vista la sua lunga esperienza di consigliere comunale di opposizione, dovrebbe sapere molto bene che il Comune non mette risorse per l’accoglienza dei profughi e che questa amministrazione non ha fatto nessun taglio alla spesa sociale e non ha tagliato i servizi dedicati a bambini e anziani poiché poniamo un’attenzione fortissima verso queste fasce della popolazione”. “Infine, vorrei consigliare a Stella di ripassare la lingua italiana perché i profughi sono migranti - conclude l’assessore Funaro -. Se consultasse un vocabolario vedrebbe che la parola profugo vuol dire persona che cerca scampo, persona costretta ad abbandonare la propria Terra per gravi motivi. La vera differenza quindi non è tra profughi e migranti, che sono la stessa cosa, ma tra richiedenti asilo e rifugiati politici, due condizioni che verranno accertate in un secondo momento dalle Commissioni deputate”.

Redazione Nove da Firenze