Per i cani: "A spasso con (Mi) Fido"

Progetto anti abbandono promosso dal Rotaract Club Firenze


Portare a spasso i cani di persone impossibilitate per motivi sociali o di salute combattendo il rischio di abbandono. È l’obiettivo del progetto ‘A spasso con (Mi) Fido’ promosso dal Rotaract Club Firenze PHF che ha aderito all’iniziativa lanciata dal Distretto Rotaract 2090 per incentivare i Rotaract club italiani a creare eventi di sensibilizzazione contro l'abbandono e a favore dell'adozione. Al progetto si affianca la raccolta fondi "Un gadget per (Mi) Fido", realizzata in collaborazione con Ottica Fontani e che consente di acquistare sul sito del club (www.rotaractfirenze.org) gadget personalizzabili con la propria foto. Il progetto ha ottenuto il patrocinio del Comune di Firenze.

“Un progetto di grande utilità per tanti nostri concittadini che si trovano in una situazione di difficoltà nella cura dei propri animali domestici – ha detto l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re -, che va ad affiancare le iniziative messe in campo in tal senso da altre associazioni attive sul territorio e con il coordinamento del Parco degli animali di Ugnano. Un intervento che va nella direzione di prevenire e contrastare fenomeni di abbandono degli amici a quattro zampe, fortunatamente sporadici sul nostro territorio ma sempre da combattere anche con iniziative di questo tipo”.

Il Rotaract Club Firenze PHF è un’associazione di giovani che ha lo scopo di affrontare le esigenze materiali e sociali della comunità attraverso l’ideazione di attività culturali e di service. Quest’anno si è dedicata ad un progetto contro l'abbandono e a favore dell’adozione dei cani. Oltre all’organizzazione di eventi divulgativi di sensibilizzazione alla tematica, i ragazzi si sono mossi nel concreto su più fronti portando avanti i progetti “A spasso con (Mi) Fido e “Un gadget per (Mi) Fido”. Nei mesi di dicembre e gennaio sono avvenuti i primi incontri di formazione per consentire ai ragazzi del Rotaract di diventare volontari dell’ATA-PC, grazie all’addestratore Andrea Biagi che, sempre all’interno del Parco degli Animali, ha illustrato i comportamenti da tenere durante le ore a spasso con i cani destinatari del servizio di volontariato. I ragazzi hanno già iniziato a collaborare con gli altri volontari ATA-PC e sono a lavoro per nuovi progetti che coinvolgano il territorio fiorentino.

Redazione Nove da Firenze