Governo, Rossi avverte: "No a Berlusconi"

L'ex presidente della giunta regionale toscana con un post mattiniero su Facebook analizza la traballante situazione politica italiana. "Se non si vuole perdere ogni credibilità agli occhi dei cittadini, non è tempo né di verifiche né di rimpasti". E cita Esopo


Enrico Rossi, ex governatore della Toscana, con un post di prima mattina sulla propria pagina Facebook analizza l'attuale situazione politica italiana, una situazione complessa e fluida. E dice no, un netto no, all'ipotesi di un governo con la presenza di Forza Italia. Ecco le sue parole:

"Buongiorno. Se non si vuole perdere ogni credibilità agli occhi dei cittadini, non è tempo né di verifiche né di rimpasti. Per il governo è tempo di lavorare per l’emergenza drammatica e per la maggioranza di elaborare un compromesso alto, una strategia per cambiare il Paese e rilanciare l’economia e il lavoro. Non mi convincono neppure le ipotesi di un governo di unità nazionale né di un allargamento della maggioranza a Berlusconi. C’è bisogno come non mai di più giustizia sociale, di lotta all’evasione e di contributi di solidarietà da parte dei ceti più ricchi. Crediamo che questa politica si possa fare seriamente alleandosi a Forza Italia o a tutto il centrodestra? La politica non può tornare ai vecchi riti, alle vecchie formule, ai piccoli interessi ed egoismi, bruciando definitivamente quella speranza, che tra tanti dubbi, l’alleanza di governo con l’incontro tra PD e M5stelle stava cominciando a suscitare. Come nella favola di Esopo: “Hic Rhodus, hic salta!”. E a noi spetta di dimostrare che ce la facciamo".

Redazione Nove da Firenze