Firenze Fiera, SPC chiede chiarezza sul futuro

Palagi e Bundu: "Si apprende dell'interesse dell'Emilia Romagna, con il superamento delle ipotesi di fusione con Pitti Immagine. Il Comune che ruolo vuole avere?"



"Che il Partito Democratico abbia le idee poco chiare sul futuro di Firenze Fiera ci è chiaro. Non ricordavano nemmeno la decisione della Città Metropolitana di dismettere le sue quote, cosa che avrebbero dovuto fare anche Comune di Firenze e Regione Toscana, a favore di una convergenza con Pitti. La pandemia ha bloccato tutto. La cosa è apparsa evidente anche dalle domande fatte in consiglio comunale alla Giunta e all'azienda stessa. Sulla stampa di oggi, insieme all'allarme del nuovo Presidente sulle intuibili difficoltà economiche del settore, ritorna l'ipotesi di una fusione con BolognaFiere". Queste le dichiarazioni di Dmitrij Palagi e Antonella Bundu - Sinistra Progetto Comune.


"Il Consiglio comunale - proseguono - ha l'occasione di discutere del futuro del suo territorio, anche in relazione al settore fieristico, insieme a quelli della Città Metropolitana e della Regione Toscana. La pandemia Covid-19 richiede di ripensare il ruolo del pubblico, rilanciando una centralità in termini di programmazione e governo delle scelte".

Redazione Nove da Firenze