Fi-Pi-Li: i disagi dureranno otto mesi

Maxi-cantiere per la messa in sicurezza tra Ginestra e Montelupo Fiorentino. La Regione sta pensando a una fermata intermedia dei treni per facilitare chi lascerà a casa l'auto


FIRENZE– E' stato avviato lunedì scorso, 27 maggio, il primo maxi-cantiere lungo la strada di grande comunicazione Firenze-Pisa-Livorno, necessario per mettere in sicurezza la più importate tra le strade regionali attraverso essenziali interventi di manutenzione straordinaria.

Il primo lotto dei lavori interessa il tratto di strada compreso tra gli svincoli di Montelupo e Ginestra Fiorentina in entrambe le direzioni di marcia. I lavori, per quanto annunciati da tempo e segnalati, comporteranno inevitabili disagi alle migliaia di automobilisti che quotidianamente percorrono la Fi-Pi-Li. Nel primo giorno dopo l'attivazione del cantiere, rallentamenti e code fino ad un massimo 3 km, si sono verificati nelle ore di punta, in particolare tra le 8 e le 9 del mattino. Da considerare che nella fascia oraria tra le 7 e le 9 code in ingresso alla città di Firenze si verificavano con frequenza anche prima dell'installazione del cantiere.

I lavori di messa in sicurezza della Fi-Pi-Li sono necessari e non più procastinabili. Il mantenimento in efficienza e la sicurezza per gli utenti di un'infrastruttura così importante sono prioritari. Tuttavia la Regione Toscana, proprietaria della strada, la Città Metropolitana di Firenze, cui è affidata la gestione dell'infrastruttura, l'azienda Avr, alla quale il contratto di Global service affida la gestione di lavori e servizi, oltre alle autorità competenti per la sicurezza stradale, hanno fatto il possibile per limitare i disagi conseguenti all'apertura del cantiere, in particolare:

- la durata del cantiere stesso è stata ridotta già in fase di gara dai 380 giorni previsti a 8 mesi (240 giorni), periodo che l'impresa farà il possibile per abbreviare ulteriormente portando avanti delle lavorazioni in parallelo. Non sono previsti lavori notturni, dato che non sarebbe stata comunque possibile la riapertura delle corsie durante il giorno;

- la sgc Fi-Pi-Li non sarà mai interrotta, non ci saranno chiusure totali, ma il flusso delle auto continuerà sempre a scorrere, seppur su una sola corsia per senso di marcia nel tratto interessato dai lavori;

- da settimane sono state avviate iniziative di comunicazione per avvisare l'utenza dei disagi in arrivo. Oltre alla consueta cartellonistica stradale ed ai messaggi sui pannelli a messaggio variabile, sono state diffuse informazioni via radio e tramite notiziari tv sulle reti locali e su vari canali Youtube, pagine social e portali web tra cui quelli della Regione, della Città metropolitana, di MuoversinToscana, del Global service, ecc. Sulle due App che trattano del traffico in Fi-Pi-Li (App SGC-FiPiLi e MuoversinToscana) sono disponibili informazioni in tempo reale e collegamenti alle web cam per monitorare l situazione in diretta.

E' stato inoltre avviato un confronto con Autostrade perché utilizzi i suoi canali, compresa Isoradio, per segnalare i lavori e suggerire percorsi alternativi.

Le possibile alternative alla sgc suggerite su tutti i canali di comunicazione sono la strada provinciale 12 della Val di Pesa per gli spostamenti brevi, mentre per quelli di lungo raggio è consigliata l'autostrada A11 Firenze-Mare (al vaglio con Autostrade la possibilità di agevolazioni per chi ha il telepass e percorre spesso questo itinerario nel periodo di attività del cantiere).

Un'alternativa sempre valida è inoltre rappresentata dal trasporto pubblico via ferro. La Fi-Pi-Li, infatti, segue la direttrice della linea ferroviaria Firenze-Pisa, sulla quale ogni giorno corrono decine di treni del servizio ferroviario regionale. In particolare si hanno 178 treni regionali (168 il sabato, 112 nei giorni festivi) collegano Empoli-Firenze in 28 minuti, mentre 98 collegano Firenze-Pisa in circa un'ora e possono rappresentare un'alternativa all'uso dell'auto. E' allo studio da parte di Trenitalia, l'aggiunta di una fermata ad Empoli alle 5 coppie di treni veloci che sono in programmazione nella tratta Firenze-Pisa.

Il piano per la messa in sicurezza della Fi-Pi-LI

La Giunta regionale ha avviato un piano di interventi straordinari da circa 26 milioni di euro (che si somma ad oltre 8 milioni annui di ordinaria manutenzione e ad altri investimenti già previsti) per migliorare la sicurezza della Sgc Fi-Pi-Li. La messa in sicurezza del tratto Ginestra-Montelupo e, successivamente, del tratto Montelupo-Empoli est rientra in questo Piano.
Il primo intervento riguarda il tratto di Fi-Pi-Li compreso tra il Km. 15+180 e il Km. 19+375, dove saranno rifatte la pavimentazione stradale con asfalto drenate e fonoassorbente, la segnaletica orizzontale, saranno sostituite tutte le barriere di sicurezza spartitraffico e gran parte di quelle laterali, oltre alle barriere fonoassorbenti, infine verrà rifatta la rete di drenaggio delle acque dalla piattaforma stradale e saranno posti cavidotti per infrastrutture informatiche (fibre ottiche, ecc). La consegna dei lavori è avvenuta il 3 aprile 2019. L'investimento complessivo è di 6,4 milioni di euro.

Il secondo intervento riguarderà il tratto dal km 19+375 al km 22+ 078 (dallo svincolo di Montelupo a quello di Empoli est) . L'intervento ha un costo complessivo di 5,2 milioni di euro. Attualmente è in fase di appalto.

"I lavori sulla Fi-Pi-Li sono necessari per manutenere la strada ed evitare che diventi inservibile e si debba arrivare a chiuderla davvero. Sappiamo che ci saranno disagi, ma stiamo monitorando la situazione e facendo il possibile perché le criticità siano ridotte", ha detto il presidente della Toscana, Enrico Rossi, facendo il punto sui lavori di manutenzione del maxi-cantiere della Fi-Pi-Li fra Montelupo e Ginestra Fiorentina. Il governatore ricorda che per ridurre i disagi oltre alle azioni informative e di comunicazione già prodotte dall'assessorato servirà la massima collaborazione da parte dei cittadini. Da parte sua, Rossi promette di interessarsi costantemente dello stato di avanzamento dei lavori e spinge per terminarli rapidamente: "È necessario che vengano portati avanti nel più breve tempo possibile- avverte-, con il cantiere attivo anche di sabato e su tre turni. Intendo seguirne personalmente l'andamento, ho chiesto di essere informato quotidianamente sul numero di operai presenti sul cantiere e sull'avanzamento dei lavori". Di pari passo la Regione si sta prodigando sulla parte che riguarda la ricerca di soluzioni alternative: "Stiamo concertando con Autostrade e con le associazioni dei trasportatori la possibilita' di agevolazioni per coloro che utilizzeranno l'A11 Firenze-Mare al posto della Fi-Pi-Li", rivela il presidente Rossi. L'idea della Toscana e' inoltre quella di potenziare in questa fase il trasporto ferroviario: "Abbiamo anche pensato- spiega l'assessore ai Trasporti, Vincenzo Ceccarelli- di far aggiungere una fermata intermedia ai treni 'fast' che oggi collegano Firenze e Pisa, in modo da offrire ulteriori possibilità per chi lascerà a casa l'auto. Stiamo valutando e mettendo in campo tutti gli accorgimenti per ridurre i disagi".

Redazione Nove da Firenze