Ex Sheraton, vertenza risolta: assunti 49 lavoratori, a breve il piano industriale

L’assessore Vannucci: “Siamo soddisfatti. Ci sono tutti i presupposti per avviare una nuova fase di attività. Ci auguriamo che possano essere create ulteriori occasioni di lavoro”


Buone notizie dall'Unità di crisi ex Sheraton: è stata risolta la lunga vertenza con l’assunzione di 49 lavoratori. Infatti è stato raggiunto in Palazzo Medici Riccardi l’accordo che definisce la complessa situazione attraverso gli impegni della nuova proprietà e della società di gestione dei servizi in appalto. Il nono incontro sulla situazione dell’albergo fiorentino denominato attualmente Conference Florentia Hotel si è svolto stamani nella sede della Città metropolitana.

La nuova proprietà, Soc. G.A. 2019 S.r.l. di Roma, assumerà 28 lavoratori a tempo indeterminato e presenterà a istituzioni e sindacati il piano industriale. I 21 lavoratori impegnati nelle funzioni di facchinaggio e servizi di pulizia camere saranno assunti dalla Soc. G&C Facility Management S.r.l.

Soddisfazione è stata espressa dalle istituzioni (Città Metropolitana e Comune di Firenze) che hanno seguito la complessa vertenza con l’obiettivo della completa salvaguardia occupazionale e del rilancio della struttura ricettiva.

“L’incontro di stamani è andato bene - ha detto l’assessore al Lavoro Andrea Vannucci - e accogliamo con piacere l’intenzione dei nuovi proprietari di salvaguardare i posti di lavoro e di presentare il piano industriale. Il rilancio di questa struttura alberghiera, che si trova alle porte della città per chi arriva da sud, è importante e vorrei ringraziare tutti i soggetti coinvolti per l’impegno dimostrato finora per chiudere questa crisi aziendale che va avanti da troppo tempo. Ci sono tutti i presupposti per avviare una nuova fase di attività e ci auguriamo che possano essere create ulteriori occasioni di lavoro”.

Maurizio Magi della Filcams Cgil di Firenze è molto soddisfatto: "Da mesi siamo a fianco dei lavoratori protagonisti di lotte, scioperi e mobilitazioni per difendere il posto di lavoro e i propri diritti, oggi abbiamo centrato un duplice obiettivo: il proseguimento dell’attività dell’albergo e la tutela del lavoro. Monitoreremo l’applicazione degli accordi, in attesa di conoscere il piano industriale".

Redazione Nove da Firenze