Elezioni a Follonica: il risultato delle amministrative è sub iudice

Clamoroso: il Tar ordina il riconteggio della sezione 17 dove due schede sono state annullate. Secondo i legali di Massimo Di Giacinto (centrodestra) dovevano essergli "palesemente assegnate". Il sindaco Benini il 26 maggio ha scampato il ballottaggio per un solo voto in più. Sentenza attesa il 17 dicembre


(DIRE) Firenze, 18 set. - Il 26 maggio a Follonica (Grosseto) è stato rieletto sindaco Andrea Benini del centrosinistra. Con un solo voto in più rispetto al 50% ha scampato il ballottaggio, ma l'esito delle comunali potrebbe tornare in discussione. Con una ordinanza depositata oggi il tribunale amministrativo regionale ha infatti disposto, su impulso di un ricorso presentato dal candidato sindaco del centrodestra, Massimo Di Giacinto, un riconteggio dei voti validi in una sezione, la 17. 

Il nodo del contendere è l'attribuzione di due schede contestate e annullate che ad avviso dei legali dell'esponente del centrodestra dovevano essergli "palesemente assegnate". Un fatto che di per sé implicherebbe alcune conseguenze a catena: farebbe innalzare il numero dei voti validi e quindi scendere Benini sotto il 50%. L'effetto più concreto, in caso di accoglimento del ricorso, sarebbe di conseguenza l'annullamento del risultato delle amministrative.

Per fare chiarezza i giudici amministrativi hanno chiesto al prefetto di Grosseto, eventualmente tramite un suo delegato, di espletare una verifica al fine anche di accertare la validità o meno delle due schede in questione. Le operazioni di controllo dovranno tenersi in contraddittorio delle parti, alle quali verrà data comunicazione della pronuncia del Tar entro 30 giorni.

Al termine del riconteggio, la prefettura dovrà presentare alla corte una relazione entro 10 giorni. Una volta esaurite le procedure, il Tar tornerà a discutere la questione nel merito, nell'udienza già fissata per il 17 dicembre. (Cap/ Dire)

Redazione Nove da Firenze