Covid-19 e buoni spesa: come funziona a Fiesole

Ecco i criteri per ripartire i 74.688 euro arrivati al Comune


La Giunta comunale di Fiesole ha deliberato i criteri e le modalità per l’erogazione dei buoni spesa previsti dalla Protezione Civile a favore di persone e famiglie in difficoltà a causa dell’emergenza Covid19. Complessivamente il Comune ha ricevuto un contributo di 74.688 euro.

I DESTINATARI

Il buono viene assegnato a soggetti indicati dai servizi sociali nonchè ai cittadini residenti che presentino domanda e posseggano, considerato complessivamente il nucleo familiare, almeno uno dei seguenti requisiti:

  • perdita del lavoro in conseguenza dell’emergenza;
  • cassa integrazione o similari, disoccupati anche se con NASPI, con altri familiari che hanno avuto una forte riduzione del reddito;
  • partite IVA e piccoli imprenditori, professionisti che hanno drasticamente ridotto il volume d’affari;
  • lavori intermittenti e stagionali che hanno avuto drastiche riduzioni nelle chiamate.
  • Inoltre, per fare richiesta occorre dichiarare di avere una disponibilità mobiliare complessiva per tutti i componenti del nucleo familiare inferiore a 5.000 euro (per 1 o 2 persone); 7.500 euro (per 3 o 4 persone); 10.000 euro (oltre le 5 persone).

    Sono esclusi i nuclei dove almeno uno dei componenti possiede un reddito valutato adeguato per il sostentamento del nucleo e i percettori di forme di sostegno pubblico di importo mensile superiore ai 500 euro/mese (per 1-2 persone), 700 euro/mese (per 3-4 persone), 850 oltre le 5 persone.

    COME SI FA DOMANDA DEI BUONI SPESA

    Per fare domanda, bisogna compilare un’autocertificazione scaricabile dal sito internet del Comune. Le domande vanno inviate ai Servizi Sociali del Comune di Fiesole:

    - per email: ufficiopolitichesociali@comune.fiesole.fi.it

    - prendendo appuntamento telefonico allo 055 5961314.

    Le domande ricevute vengono verificate in tempi rapidi.

    L’IMPORTO DEI BUONI

    Il buono spesa è concesso una tantum ed è commisurato alla composizione del nucleo familiare.

  • Persone singole: 150 euro
  • Nuclei di due persone: 250 euro
  • Nuclei da 3 a 4 persone: 350 euro
  • Nuclei con 5 persone o più: 450 euro
  • PER COSA POSSONO ESSERE USATI

    I buoni possono essere spesi per l’acquisto di generi di prima necessità, ovvero: prodotti alimentari, prodotti per l’igiene personale (compresi pannolini, pannoloni, assorbenti igienici) e prodotti per l’igiene della casa, farmaci. Sono esclusi alcolici e tabacchi.

    DOVE SI USANO I BUONI SPESA

    Il Comune ha pubblicato una manifestazione di interesse che i negozi del territorio potranno inoltrare per aderire al progetto.

    A seguito di questa, gli esercizi commerciali convenzionati aderenti saranno pubblicati sul sito Internet del Comune.

    Chi fa richiesta indica nella domanda i negozi di cui intende avvalersi.

    Redazione Nove da Firenze