Coronavirus: scatta il monitoraggio agli aeroporti di Firenze e Pisa

Partirà nelle prossime ore al Vespucci e al Galilei il controllo della temperatura corporea di tutti i viaggiatori in arrivo da voli internazionali: se hanno più di 37,5 gradi e provengono da zone a rischio, dovrà essere attivato il 118 e i viaggiatori dovranno essere trasportati all'ospedale


Partirà nelle prossime ore negli aeroporti Galileo Galilei di Pisa e Amerigo Vespucci di Peretola il monitoraggio della temperatura corporea di tutti i viaggiatori in arrivo da voli internazionali.

Si tratta di una direttiva della Protezione civile nazionale, alla cui applicazione è preposto l'Usmaf (Ufficio sanitario marittimo aereo e di frontiera). In Toscana saranno i volontari della Misericordia a svolgere questo compito: prima soltanto a Pisa e Peretola, in attesa di mettere presto a regime anche l'aeroporto di Grosseto e il porto di Livorno.

Secondo la procedura concordata tra Ministero della salute e Protezione civile (inviata con una circolare a tutte le Regioni), ai viaggiatori verrà misurata la temperatura con un termometro laser e verrà sottoposto un quesito anamnestico: provenienza, sintomatologia, ecc. 

Se hanno temperatura superiore a 37,5 gradi, provengono da zone a rischio e rientrano nei casi sospetti previsti dalle linee guida del Ministero della salute (recepite dal protocollo regionale), dovrà essere subito attivato il 118 e i viaggiatori trasportati nell'ospedale di riferimento. Sono ospedali di riferimento tutti quelli in cui è presente un reparto di malattie infettive.

Redazione Nove da Firenze