Coronavirus in Toscana: 85 nuovi casi, 3 decessi e 10 ricoveri in più

I dati regionali di lunedì 28 settembre. 44 contagi registrati nell'Asl Nord Ovest. In Val di Pesa 12 casi positivi al Covid di ritorno dal viaggio in Sicilia


In Toscana sono 14.651 i casi di positività al Coronavirus, 85 in più rispetto a ieri (31 identificati in corso di tracciamento e 54 da attività di screening). I nuovi casi sono lo 0,6% in più rispetto al totale del giorno precedente. L'età media degli 85 casi odierni è di 39 anni circa (il 28% ha meno di 20 anni, il 19% tra 20 e 39 anni, il 34% tra 40 e 59 anni, il 18% tra 60 e 79 anni, l’1% ha 80 anni o più) e, per quanto riguarda gli stati clinici, il 72% è risultato asintomatico, il 19% pauci-sintomatico. Delle 85 positività odierne, 1 caso è riferibile a cittadino residente fuori regione la cui positività è stata notificata in Toscana. Il 58% della casistica è un contatto collegato a un precedente caso. I guariti crescono dell’1% e raggiungono quota 10.098 (68,9% dei casi totali). I tamponi eseguiti hanno raggiunto quota 728.049, 4.396 in più rispetto a ieri. Gli attualmente positivi sono oggi 3.393, -0,4% rispetto a ieri. I ricoverati sono 115 (10 in più rispetto a ieri), di cui 22 in terapia intensiva (1 in meno). Oggi si registrano 3 nuovi decessi: 3 uomini, con un'età media di 83 anni.

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri. Sono 4.237 i casi complessivi ad oggi a Firenze (4 in più rispetto a ieri), 872 a Prato (15 in più), 1.021 a Pistoia (6 in più), 1.531 a Massa (5 in più), 1.811 a Lucca (17 in più), 1.526 a Pisa (14 in più), 731 a Livorno (8 in più), 1.157 ad Arezzo (10 in più), 622 a Siena (5 in più), 596 a Grosseto. Sono 547 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni (1 in più). Sono 25, quindi, i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 44 nella Nord Ovest, 15 nella Sud est.

“Siamo in costante contatto con le autorità competenti per monitorare lo stato di salute delle persone risultate positive al Covid, stiamo lavorando continuamente per tutelare la sicurezza della nostra comunità nel rispetto delle misure previste dal governo”. Con queste parole il sindaco Roberto Ciappi commenta la notizia relativa al contagio di un gruppo di anziani di Mercatale, provenienti da un viaggio in pullman in Sicilia. 12 i casi emersi su ventinove persone, tanti erano i partecipanti alla gita. Anche sugli altri sono in corso gli opportuni accertamenti diagnostici. Per illustrare la situazione, con gli aggiornamenti necessari, il sindaco Roberto Ciappi domani farà un collegamento web dalla sua pagina Fb per informare la comunità e fare il punto sull’emergenza sanitaria.

“Sono state assunte tutte le necessarie misure cautelative. Mai come in questo momento è necessario ribadire quanto importante sia il rispetto puntuale delle regole anticontagio. Mi rivolgo a tutti, ragazzi, adolescenti, anziani, famiglie, studenti. Non possiamo pensare di abbassare la guardia ora che abbiamo allentato e ripreso a vivere con una discreta dose di autonomia la nostra quotidianità. Occorre porre la massima attenzione all'applicazione delle norme previste dal governo per la prevenzione e il contrasto alla crisi epidemiologica. Tre regole sono da osservare in ogni azione che ci espone al contatto con l'esterno: indossare la mascherina, rispettare i parametri di distanziamento e igienizzare adeguatamente e in modo frequente le mani, oltre ad evitare condizioni e situazioni di assembramento. Solo attenendoci a questi criteri potremmo evitare o ridurre il rischio di contagio". La diretta Fb si terrà domani, martedì 29 settembre, alle ore 19. 

La Toscana si conferma al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 393 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 513 x100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Massa Carrara con 786 casi x100.000 abitanti, Lucca con 467, Firenze con 419, la più bassa Livorno con 218.

Complessivamente, 3.278 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (24 in meno rispetto a ieri, meno 0,7%). Sono 6.548 (277 in più rispetto a ieri, più 4,4%) le persone, anche loro isolate, in sorveglianza attiva, perché hanno avuto contatti con persone contagiate (Asl Centro 2.149, Nord Ovest 3.482, Sud Est 917).

Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti Covid oggi sono complessivamente 115 (10 in più rispetto a ieri, più 9,5%), 22 in terapia intensiva (1 in meno rispetto a ieri, meno 4,3%). Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest sono in totale 25, di cui 5 in Terapia intensiva. All’ospedale di Livorno 9 i ricoverati, di cui 4 dell’ambito territoriale di Livorno, 3 dell’ambito della Versilia e 2 residenti fuori Asl. All’ospedale di Lucca 12 i ricoverati, di cui 6 dell’ambito territoriale di Lucca, 4 dell’ambito di Massa Carrara e 2 residenti fuori Asl. All’ospedale Apuane 4 ricoverati, tutti dell’ambito territoriale di Massa Carrara.

Le persone complessivamente guarite sono 10.098 (96 in più rispetto a ieri, più 1%): 235 persone clinicamente guarite (11 in più rispetto a ieri, più 4,9%), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 9.863 (85 in più rispetto a ieri, più 0,9%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con doppio tampone negativo.

Oggi si registrano 3 nuovi decessi: 3 uomini, con un'età media di 83 anni. Relativamente alla provincia di notifica, le persone decedute sono: 1 a Pistoia, 1 a Pisa, 1 a Arezzo. Sono 1.160 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 419 a Firenze, 54 a Prato, 82 a Pistoia, 178 a Massa Carrara, 149 a Lucca, 95 a Pisa, 65 a Livorno, 52 ad Arezzo, 33 a Siena, 25 a Grosseto, 8 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 31,1 x100.000 residenti contro il 59,4 x100.000 della media italiana (11° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (91,3 x100.000), Firenze (41,4 x100.000) e Lucca (38,4 x100.000), il più basso a Grosseto (11,3 x100.000).

La situazione non è delle migliori. Le istituzioni stanno dando corpo ad alcune limitazioni  tanto che ad esempio, da domenica prossima, 4 ottobre, è sospesa la Domenica metropolitana, la giornata di ingresso gratuito ai musei civici. La decisione è stata presa in allineamento con l’ordinanza del Ministero della Salute che sospende le domeniche gratuite al museo. Quest’ultimo provvedimento è stato preso a seguito della segnalazione da parte del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo della necessità, in attuazione delle misure di riduzione e contenimento del rischio connesso all'emergenza sanitaria da COVID-19, di sospendere l'efficacia delle disposizioni regolamentari sull'accesso gratuito ai musei e agli altri istituti e luoghi della cultura la prima domenica del mese.

Redazione Nove da Firenze