Coronavirus: a Prato su 457 controlli 37 denunce penali ex art. 650

Primo bilancio della Prefettura. L'articolo del codice penale riguarda chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia, sicurezza pubblica, ordine pubblico o d’igiene. La pena è l’arresto fino a tre mesi o l’ammenda fino a 206 euro


In applicazione della circolare del 10 marzo., del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza, nell’ambito del territorio provinciale di Prato sono stati avviati immediatamente i controlli da parte delle Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia Provinciale e di tutte le Polizie Municipali dei Comuni della Provincia, secondo le indicazioni fornite in sede di Comitato Provinciale dell’Ordine e Sicurezza Pubblica.

Gli esiti complessivi dei controlli, eseguiti ad oggi 13 marzo, sono: su 457 persone controllate, 37 sono state denunciate ex art. 650 codice penale (che punisce chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall’Autorità per ragione di giustizia, sicurezza pubblica, ordine pubblico o d’igiene, con la pena dell’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 206 euro, salvo che il fatto costituisca più grave reato), 4 persone sono state denunciate ex artt. 495 e 496 codice penale (che puniscono chiunque dichiara o attesta falsamente al pubblico ufficiale l'identità, lo stato o altre qualità della propria o dell'altrui persona o interrogato sulla identità, sullo stato o su altre qualità della propria o dell'altrui persona, fa mendaci dichiarazioni), 2 persone sono state denunciate per altri reati; gli esercizi commerciali controllati sono stati 454.

Redazione Nove da Firenze