Consultazioni sull'Accordo di Governo tra Lega e Movimento 5 Stelle: seggi aperti anche a Firenze

Enrico Rossi, presidente regione Toscana, critica le dichiarazioni di Claudio Borghi su MPS


Oggi e domani si svolgono le consultazioni indette dalla Lega sulla sottoscrizione di un contratto di governo con il Movimento 5 Stelle. Le consultazioni hanno luogo anche nella provincia di Firenze nei seguenti punti ed ai seguenti orari:

  1. Reggello Piazza della Repubblica sabato 19 dalle 9 alle 13 e domenica 20 dalle 9 alle 13;
  2. Impruneta Sabato 19 Piazza Buondelmonti dalle 09.00 alle 14;
  3. Greve in Chianti Sabato 19 loc. Pranzano Piazza Bucciarelli dalle 9 alle 13.
  4. Domenica 20 Piazza Matteotti dalle 9 alle 13;
  5. Campi Bisenzio sabato 19 Via Buozzi dalle 14 alle 19;
  6. Borgo San Lorenzo Via Oreste Bandini Sabato 19 dalle 15 alle 19. 
  7. Domenica 20 dalle 10 alle 13;
  8. Scandicci Sabato 19 Piazza Togliatti dalle 9 alle 14;
  9. Empoli Sabato 19 maggio dalle ore 9 alle ore 14 seggio ubicato presso i portici di via Del Giglio, intersezione via Ridolfi;
  10. Firenze sabato 19 maggio dalle ore 10:00 alle ore 12:30 in Piazza Dalmazia e domenica 20 maggio dalle ore 10:00 alle ore 12:30 in via Masaccio.

"Essendo interesse della Lega in questo momento così delicato per la storia del nostro paese e ascoltare la voce degli italiani, portare avanti le loro istanze e restituire soprattutto alle persino il diritto di poter tornare a disporre della possibilità di scegliere chi mandare a governare questo paese, non potevamo esimerci dal chiedere l'opinione della gente ". Dichiara il segretario provinciale della Lega di Firenze Alessandro Scipioni "In Italia da troppo tempo l'opinione delle persone non viene più ascoltata adeguatamente , per noi conta molto che ci sia una partecipazione in massa al voto. Da sempre il nostro Movimento si è battuto per una democrazia diretta in questo paese, e sono ormai troppi anni che vediamo nascere governi non legittimati dalla volontà popolare. In questo storico momento l'opinione di ogni persona è importante, al fine di poter sperare di continuare con il massimo supporto possibile la nostra difesa degli interessi della nostra gente e della nostra terra".

"Borghi continua a parlare del MPS. Noi paghiamo. Qualcuno si arricchisce. Prima delle dichiarazioni di Claudio Borghi, il MPS valeva 3,6 miliardi di euro. Dopo le dichiarazioni vale 3,2 miliardi. In due giorni, senza essere al governo, la Lega e' gia' costata a noi cittadini 400 milioni. Oggi e domani le borse sono chiuse. Ma lunedi' riaprono". Lo scrive su twitter Enrico Rossi, presidente regione Toscana.

Redazione Nove da Firenze