Commisso avverte: "Tutti devono lavorare la squadra"

ph courtesy Violachannel

Il presidente appena arrivato dall'America lancia un appello chiaro: la Fiorentina viene prima dei singoli. "Chiesa? Parlerò con Enrico presto, Federico sa quanto è importante per noi. Però deve capire che siamo una squadra e dobbiamo giocare tutti insieme. Certe cose non le capisco. Montella? Ci mancano tre punti"


Rocco Commisso, appena arrivato dall'America, non si sottrae a qualche domanda dei giornalisti appostati fuori dal suo hotel. Il messaggio del presidente è chiaro: la Fiorentina viene prima dei singoli.

La situazione di Chiesa non è ancora chiara e Commisso cercherà di risolverla in questa permanenza fiorentina: "Un giorno di questi parlerò con Enrico, ancora non lo conosco. Federico lo sa quanto è importante per noi. Io non gli ho fatto mai una critica, però siamo una squadra e dobbiamo giocare tutti insieme, tutti devono capire che i tifosi sono orgogliosi, ognuno deve fare la sua parte. Montella? Ci mancano tre punti, ci serve una vittoria per riportarci su in classifica. Non ho mai detto che quest'anno voglio la Champions. I ragazzi si devono incoraggiare e io sono qui per aiutarli. L'ho detto fin dal primo giorno, datemi un po' di tempo. Certe cose - ha concluso con un velo di amarezza Commisso - non le capisco".

Redazione Nove da Firenze