Cocaina nascosta tra le pagine di un libro

La Polizia di Stato trova la droga nell’Isola misteriosa di Jules Verne


Ieri mattina la Polizia di Stato ha arrestato un fiorentino di 42 anni con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’uomo è stato fermato a bordo della sua autovettura in via Baracca da una volante della Questura di Firenze dopo che, a velocità sostenuta, aveva “bucato” un semaforo rosso all’incrocio con via Baracchini.

Subito sono scattate alcune verifiche della Polizia, insospettita dalla pericolosa manovra effettuata alla vista della “pantera” che stava procedendo nel senso opposto di marcia.

Così gli agenti sono andati a fondo nella vicenda e il loro intuito ha trovato subito conferma quando da uno zaino riposto sul sedile posteriore del mezzo è saltato fuori un libro di narrativa per ragazzi. I poliziotti lo hanno aperto, scoprendo che al suo interno erano stato creato un nascondiglio per la droga, ricavato tagliando la parte centrale delle pagine dell’isola misteriosa di Jules Verne.

Dopo un primo sequestro di una decina di grammi di cocaina, i successivi accertamenti nell’ abitazione dell’arrestato - in zona Isolotto - hanno portato anche al rinvenimento di altra sostanza stupefacente - oltre 25 grammi di cocaina trovati dentro una scatola nella camera da letto del 42enne - bilancini di precisione, materiale utilizzato verosimilmente per il confezionamento della droga e, infine, diverse fiale, confezioni e compresse di sospette sostanze dopanti e anabolizzanti.

Oltre ad avergli contestato la detenzione della cocaina ai fini di spaccio l’uomo, al momento, è stato anche denunciato per il possesso e la ricettazione delle sostanze dopanti e anabolizzanti che verranno analizzate nei prossimi giorni.

Redazione Nove da Firenze