Chianti Classico Marathon: iscrizioni aperte

L'evento si terrà il prossimo 5 giugno


SAN CASCIANO IN VAL DI PESA, 23 maggio 2016- Correre tra le colline di San Casciano, Tavarnelle e Greve in Chianti con Chianti Classico Marathon. La kermesse, in auge negli anni '70, riaffiora dal passato con un'edizione zero, a distanza di oltre venti anni di assenza dalle scene sportive, in programma il 5 giugno. Promosso dai Comuni di San Casciano, Tavarnelle, Barberino Val d’Elsa e Greve in Chianti, dall'associazione Podistica Valdipesa in collaborazione con il Consorzio Vino Chianti Classico e ChiantiBanca, l'evento Chianti Classico Marathon si snoderà lungo tre diversi percorsi tra alcune delle colline più belle del mondo. L'iniziativa, frutto di un'operazione congiunta che nasce da una sinergia tra le amministrazioni comunali del Chianti Fiorentino e del Consorzio Vino Chianti Classico, si propone di far riemergere dalla storia sportiva del territorio il successo, la passione, i valori della Maratona del Chianti, la kermesse che per decenni, dal 1975, si è affermata come uno degli eventi sportivi più rilevanti a livello nazionale. Sulla scia delle voci, dei ricordi e delle testimonianze degli atleti del passato, i Comuni intendono recuperare la tradizione sportiva offrendola per la prima volta, dopo anni di inattività, in una chiave contemporanea. Al fianco dell'associazione Podistica Valdipesa, le amministrazioni comunali sono impegnate nell'organizzazione di una maratona che promette di attrarre, divertire, coinvolgere sportivi e appassionati lungo un percorso articolato in tre diversi tragitti, la Maratona di 42 km, la Mezza Maratona di 20 km e lo Short Trail di 10 km, che immergeranno i partecipanti in alcuni dei luoghi più incantevoli del Chianti. Sport, ambiente, natura si intrecciano in questa prima edizione della Maratona che vuole essere prima di tutto l'espressione di un territorio capace di interagire e trasferire le proprie eccellenze anche sul fronte sportivo.

"Una manifestazione che ha tutti gli elementi necessari per tornare ad avere successo". Così l'assessore regionale a sport, diritto alla salute e sociale Stefania Saccardi commenta l'edizione 0 della Chianti Classico Marathon, la manifestazione sportiva in programma il 5 giugno che è stata promossa dai Comuni di San Casciano, Tavarnelle, Barberino Val d'Elsa e Greve in Chianti con Associazione podistica Val di Pesa e Consorzio Chianti Classico, dopo uno stop di oltre vent'anni. "Da un lato – aggiunge Saccardi - i tre percorsi della maratona, della mezza maratona e dello "short trail", unici nel loro genere, andranno a toccare punti e luoghi paesaggisticamente straordinari sia per l'aspetto ambientale e naturalistico che per il valore storico-artistico e culturale (penso a Badia a Passignano, al Castello di Verrazzano, alle Cantine Antinori al Bargino, a Montefiridolfi, a Montefioralle). Ma soprattutto è un'intelligente combinazione di sport, agonismo, divertimento, turismo, promozione del territorio, cultura ed enogastronomia". Da sottolineare anche il fatto, per l'assessore Saccardi, che la rinata maratona nasce dalla capacità di fare "squadra" e di unire le forze che il territorio del Chianti, nelle sue varie componenti istituzionali sia di natura pubblica che di natura privata, ha dimostrato di possedere per ridare vita a un evento sportivo che può rappresentare una nuova occasione di promozione e valorizzazione della bellezza di questo territorio. "Per tutti questi motivi – conclude - siamo felici ed orgogliosi di ospitare ed accogliere in Toscana la Chianti Classico Marathon, e auguriamo di cuore di ottenere tutto il successo che merita".

La storia

La Maratona, venti edizioni, fino al 1993, fu letteralmente inventata a Mercatale Val di Pesa da un gruppo di amici. Nacque e crebbe come un piccolo grande amore sportivo coltivato e condiviso da Daniele e Roberto Vignoli, Romano Matteuzzi, Fernando Lapini, Vincenzo Bartoli, Silvano Pescini. Dall’idea di sperimentarsi insieme in un’attività che facesse vivere all’aperto il piacere di ritrovarsi, stare insieme, alimentare una passione e contagiarla a tutti i livelli di età all’impegno di realizzare una manifestazione che, anno dopo anno, divenne uno degli appuntamenti più rilevanti del settore a livello regionale. Le quasi mille persone in gara, tanti gli iscritti alle edizioni più fortunate, dalla competizione chiedevano e ottenevano un percorso insolito che prevedeva altezze differenti e attraversava alcuni dei paesaggi più belli al mondo. I mercatalini erano l’anima e le braccia della kermesse. Punti di ristoro, premi, iscrizioni, forme e modalità di partecipazione. Tutto era realizzato e curato dal Gruppo Sportivo Mercatale in collaborazione con i circoli ricreativi del territorio e altre associazioni (Squadra Motociclistica Misericordia Firenze, Misericordia Mercatale e San Casciano, Gruppo Fratres Mercatale, F.C. Mercatale). “In ogni chilometro dei 42 complessivi - commentano gli assessori allo Sport dei Comuni chiantigiani Roberto Ciappi, Lorenzo Lotti e Marco Rustioni - che si inerpicavano lungo un percorso che da Mercatale faceva tappa a Chiesanuova, Galluzzo e Greve, c’era la voglia di correre per il paese, con questa nuova edizione vorremo tornare a quello spirito. Una corsa della vita, dell’amicizia, della rinascita turistica ed economica di alcuni dei borghi più pregiati del Chianti che dimostrano di avere importanti potenzialità legate al turismo sportivo, il nostro obiettivo è riscoprire questa risorsa, un tesoro fatto di passione, natura ed eventi attraverso una corsa che torna a rappresentare il Chianti come territorio unito, capace di varcare i confini, promuoversi, produrre esperienze e opportunità”.

I percorsi

Procedono spedite le iscrizioni (online su www.chianticlassicomarathon.com) all'dizione “0” della Chianti Classico Marathon, che domenica 5 giugno (ritiro pettorali a partire da sabato 4, tutto il regolamento (www.chianticlassicomarathon.com) si correrà nello splendido scenario del del Chianti fiorentino. La corsa propone tre percorsi: Maratona (42 km, partenza da Mercatale), Mezza Maratona (21 km, partenza da Panzano in Chianti) e Short Trail (11 km, non competitiva, partenza da Badia a Passignano). Tutti e tre i percorsi (alle due partenze “extra Mercatale” i partecipanti potranno arrivare tramite il servizio navetta che partirà comunque dal paese) confluiranno comunque a un unico punto di arrivo: Mercatale appunto. La Chianti Classico Marathon ha infatti fatto rinascere la vecchia Maratona del Chianti, che aveva proprio in Mercatale il cuore pulsante. Una corsa, quella chiantigiana, che è soprattutto un “trail”: solo il 10% del percorso infatti si snoda su strada asfaltata. Il resto è composto da strade bianche, sentieri, tratti di bosco e di vigna. Una corsa che andrà a toccare punti di grande pregio paesaggistico: Badia a Passignano e il suo Monastero Vallombrosano; il Castello di Verrazzano che racchiude la storia del grande navigatore; le Cantine Antinori al Bargino, un mix di tecnica, magia e architettura; la Conca d’Oro di Panzano, una “terrazza” nella quale prendono vita produzioni vitivinicole di eccezionale qualità; il crinale che da Valigondoli porta a Mercatale, da cui si vede “mezza Toscana”. E ancora Montefioralle e il suo borgo medievale; le vigne in cui si produce il vino Tignanello affacciate sulla “grande bellezza”; Montefiridolfi, il crinale del Castello di Bibbione con la Tomba Etrusca dell’Arciere di Sant’Angel; la Pieve di Campoli immersa nella pace secolare degli olivi… . Un territorio di bellezza ineguagliabile, che accompagnerà la corsa e che riempirà, oltre ai polmoni, anche gli occhi. Una Maratona che, alla sua edizione “0”, si corre nell’anno in cui il Consorzio Vino Chianti Classico celebra i 300 anni della denominazione vitivinicola più antica del mondo: e nei pacchi gara non mancheranno le bottiglie di Chianti Classico.

Redazione Nove da Firenze