Chi prende il reddito di cittadinanza lavorerà al servizio sicurezza scuole?

A Firenze sono 5mila. La richiesta di Roberto De Blasi (M5S): "L’assessore Funaro ha risposto di volersi adoperare per realizzare le opportune verifiche di fattibilità per realizzare quanto richiesto"


“In risposta alla domanda di attualità in Consiglio comunale “scuola sicura” con la quale ho chiesto – spiega il capogruppo del Movimento 5 Stelle Roberto De Blasi – se fosse intenzione da parte dell’amministrazione prevedere l’impiego di personale aggiuntivo a quello fino a oggi utilizzato nell'attività di sostegno alla sicurezza dei ragazzi in entrata e in uscita dalle scuole, utilizzando i beneficiari del reddito di cittadinanza residenti nel Comune di Firenze, previa formazione specifica e stipula assicurazione contro gli infortuni, così come previsto dalla norma, l’assessore Funaro ha risposto di volersi adoperare per realizzare le opportune verifiche di fattibilità per realizzare quanto richiesto.

Noi intendiamo ritornare molto presto sul tema, sono circa cinquemila le persone che percepiscono a Firenze il reddito di cittadinanza e dato che queste sono a norma di legge (escluse quelle occupate) obbligate a svolgere un servizio di pubblica utilità per otto ore settimanali, riteniamo fondamentale utilizzare queste risorse ricordando quanto la nostra comunità abbia beneficiato della generosità dell’esercito di volontari impegnati fin dall’inizio di questa pandemia e quanto il supporto di nuovo personale sia più che mai necessario.

Prendiamo atto dell’intenzione – conclude il capogruppo del Movimento 5 Stelle Roberto De Blasi – auspicando che l’impegno preso dall’amministrazione si traduca in adempienza nel rispetto del Decreto 4/2019, convertito in Legge n 26/2019”.

Redazione Nove da Firenze