Cassa integrazione artigiani: a Firenze oltre 24 mila lavoratori stanno aspettando

Ferretti (Confartigianato): “Pagato solo il 25% delle richieste di aprile. Così non funziona, non si può continuare con questo andamento a singhiozzo”


Firenze, 30 giugno 2020 - Venerdì scorso sono arrivate da Roma le risorse da destinare al Fondo di solidarietà bilaterale per l'artigianato, la cassa integrazione degli artigiani: sono andate immediatamente esaurite e sono bastate solo per coprire le domande residue di marzo e circa un quarto delle domande di aprile.

Secondo i dati del Centro studi di Confartigianato Firenze, il 98% delle imprese artigiane fiorentine ha fatto richiesta di accesso agli ammortizzatori sociali previsti dai decreti del Governo: 5.369 aziende per un totale di 24.144 lavoratori (dato aggiornato al 21 giugno) che ancora oggi hanno incassato il sostegno al reddito relativo al mese di marzo e nel 75% dei casi stanno aspettando i soldi di aprile.

“L'arrivo di una prima tranche di risorse ci ha fatto tirare un sospiro di sollievo, ma siamo ancora ben lontani da una piena soddisfazione – commenta il direttore generale di Confartigianato Firenze, Jacopo Ferretti -. Il Governo continua a prorogare lo stop ai licenziamenti e a rinnovare la cassa integrazione, ma questi provvedimenti vanno finanziati. Non si può continuare con questo andamento a singhiozzo che fa accumulare ritardi su ritardi: qualche inghippo nella fase iniziale è stato comprensibile, ma adesso il meccanismo deve funzionare”.

Redazione Nove da Firenze