Rubrica — Giocare in Toscana

Carnevale per la pace a Firenze

Sabato 23 febbraio al Giardino della Fortezza da Basso. Il 24 grande sfilata da piazza dell'Isolotto a Villa Vogel. Il 3 marzo a San Donato torna il carnevale multiculturale Novoli si tingerà dei colori del mondo


Sabato 23 febbraio, a partire dalle ore 14.30, grande attesa al Giardino della Fortezza da Basso per Maschere in festa alla Fortezza, iniziativa nata dalla collaborazione tra le associazioni Insieme per San Lorenzo e Un fiore per la Fortezza. Obiettivo dell’evento, che ha il prezioso supporto degli Angeli del Bello, è creare un momento di condivisione e allegria in uno spazio della città, che dopo un periodo difficile è stato finalmente restituito all’intera comunità. Maschere in festa alla Fortezza è la prima festa di Carnevale ospitata dal Giardino della Fortezza, un’iniziativa dedicata ai più piccoli ma anche un’occasione di incontro per i cittadini di ogni età che hanno atteso con fiducia la ‘rinascita’ di quest’area cittadina. Tante le attività previste nel pomeriggio: giochi, azioni ecologiche con gli Angeli del Bello, e molta musica. Tra i protagonisti della festa ci saranno infatti i Pulsar, street band formata da studenti fiorentini che fanno musica con oggetti a dir poco originali. E saranno proprio le note del Pulsar ad accompagnare un’allegra e colorata marcia intorno alla vasca del Poggi. L’iniziativa può contare sulla collaborazione di Confartigianato Imprese Firenze e ha ottenuto il patrocinio del Comune di Firenze Q1 Centro Storico.

Saranno tre gli appuntamenti più importanti per il Carnevale 2019 al Quartiere 4. Apertura con l’ormai tradizionale Carnevale per la Pace, organizzato per domenica 24 febbraio dal Quartiere insieme a varie associazioni del territorio. Il programma prevede il ritrovo alle 14 in piazza dell’Isolotto, dove si raduneranno gli Scout Agesci e Cngei, la Biblioteca di Pace, le Donne per la Pace, i Comitati Genitori IC del Quartiere 4 con i bambini delle scuole, le Comunità peruviana (Viva Perù), boliviana (Sin Fronteras), Capo Verde e dello Sri Lanka, la banda dei Sonati della Pirandello e tante altre associazioni del territorio, grazie alla cui indispensabile collaborazione è possibile realizzare l’iniziativa. Intorno alle 15 partirà la sfilata per la vie del quartiere. La prima tappa sarà presso il Giardino dedicato a Michela Noli, vittima di un femminicidio nel 2016. Il corteo si dirigerà poi verso il Parco di Villa Vogel dove, dalle 16 in poi, all’interno e intorno alla pista di pattinaggio, avremo un pomeriggio di festa con giochi per bambini, balli da tutto il mondo, musica, pane di vari paesi e culture, spettacolo dei bambini delle scuole, Thinking Day degli Scout. La conclusione è prevista entro le 18. In caso di previsioni meteorologiche avverse, la manifestazione potrà essere rimandata alla domenica successiva, 3 marzo 2019. Inoltre, la novità di quest’anno: sempre nell’ambito delle iniziative del Carnevale 2019 e sempre domenica 24 febbraio, alle 18, presso la Limonaia di Villa Strozzi, in via Pisana 77, il Piccolo Coro Melograno presenterà il Concerto di Carnevale dei Fiori del Melograno, evento a ingresso libero aperto a tutti, al quale si potrà partecipare vestiti in maschera. I Fiori del Melograno è un coro formato da 35 bambini dai 4 ai 7 anni: il 24 proporrà un repertorio musicale ludico, largamente tratto dallo Zecchino d’Oro e dalla musica leggera per l’infanzia. Il terzo evento di spicco si svolgerà proprio l’ultimo giorno di Carnevale, il 5 marzo, dalle 9.30 alle 13.30, e sarà Il geniale Carnevale nel Viale dei Bambini, organizzato dal Comitato Genitori Montagnola-Gramsci, con riciclo, animazioni e giochi. All’insegna del motto “La creatività può risolvere i problemi di oggi!”, la dedica è a Leonardo, in occasione del 500° anniversario della morte. La poliedrica attività del Genio di Vinci, volta alla soluzione dei problemi e comprendente tutti i campi dello scibile umano, sarà celebrata e attualizzata lungo il Viale dei Bambini, con particolare attenzione alle tematiche ambientali.

Torna domenica 3 marzo l’allegria del carnevale di pace di San Donato. La manifestazione, organizzata dall’associazione di volontari Piazza San Donato in collaborazione col Quartiere 5, è alla sua quinta edizione e nasce per unire - in un corteo dai mille colori, musiche e tradizioni, - le diverse anime di un quartiere sempre più popolato da comunità straniere. Ecco che alle 15, al Polo universitario di Novoli (precisamente in via delle Pandette), prenderà il via il coinvolgente corteo, che tra balli, musiche e sorrisi da ogni parte del mondo, dopo aver attraversato le strade e le piazze del quartiere San Donato sfocerà nella piazza del centro commerciale, dove alle 16 si alzerà il sipario sulla consueta rappresentazione folkloristica dei gruppi partecipanti: dall’energia latinoamericana ai ritmi africani, dalle danze boliviane ai colori della Georgia. E poi la simpatia dei bambini delle scuole del quartiere, che con tanto entusiasmo hanno risposto al nostro invito. Un carnevale di pace, dunque, di speranza e di integrazione. "Un’occasione gioiosa per dimostrare che, sì, la convivenza pacifica non solo è possibile, ma rappresenta anche un arricchimento per ciascuno di noi”, dice Annalisa Camellini, presidente dell’associazione Piazza San Donato, sempre più in prima linea per rendere San Donato un quartiere vivibile e ricco di proposte all’insegna dello stare insieme. Come sempre, piazza San Donato sarà avvolta dai colori arcobaleno della bandiera della pace. Spazio poi alla solidarietà con, tra gli altri, il progetto Agata Smeralda e Voa Voa onlus. In caso di pioggia, la festa si svolgerà allo spazio XL al primo piano del centro San Donato. Ecco le realtà in corteo: Associazione Piazza San Donato, Associazione Jaleti della Georgia, Associazione Capoverdiana em Florença, Associazione Colombia ES Onlus, Associazione culturale Viva el Perù Firenze, Associazione Gioventù per i diritti umani, Associazione 0-0firenze5onlus, Batucada Agogò, Casa do Brasil em Florença, Danza Folklorica Sin Fronteras Bolivia, Emergency Firenze, Manos Unidas Toscana Rep. Dominicana, Progetto Agata Smeralda, Rythme Afro Firenze, Sezione Soci Unicoop Firenze, Scuola di ballo Latin Lab Firenze e Voa Voa onlus.

Redazione Nove da Firenze