Carmine e Tasso: in Oltrarno sosta selvaggia e Movida a sorpresa

Spettacoli e intrattenimento, con servizi accessori ed aggiuntivi di ristoro, nel periodo primaverile-estivo


I residenti di piazza Tasso, piazza del Carmine e strade adiacenti sono sul piede di guerra contro Palazzo Vecchio, non solo la nuova Ztl sarebbe un colabrodo senza controllo, ma coloro che avrebbero dovuto godere del silenzio "spariranno anche gli autobus rumorosi per volere dei residenti" lamentano l'idea di allestire la vita notturna estiva tra piazza Tasso e piazza del Carmine. Ma la Movida non doveva essere trasferita alle Cascine?

Dopo lo Speciale ZtlO pubblicato su Nove da Firenze, residenti hanno scritto in redazione per segnalare il caos che permane nella zona all'indomani dei nuovi provvedimenti, questo quanto ci scrive uno dei residenti: "Qui in Oltrarno la ZTL notturna è partita alla grande, nel senso che ogni sera ognuno fa quello che gli pare e di controlli guai a parlarne.."

I residenti però sono in allarme anche su un altro fronte, quello degli eventi estivi. "Abbiamo appreso - scrivono in una lettera inviata agli organi di stampa - che piazza Tasso e piazza del Carmine sono state incluse negli spazi destinati alla programmazione culturale per il periodo maggio-ottobre 2015. Tali piazze hanno locali di intrattenimento e ristorazione aperti tutto l’anno, e in grado di soddisfare ampiamente la popolazione residente e persone che provengono da altri luoghi. Una delle due, piazza Torquato Tasso è luogo di socialità intensa per tutta la giornata e in ogni stagione, l’estate è affollata di persone del luogo, vecchi, adolescenti , giovani e bambini che sostano sulle panchine fino verso mezzanotte, chiacchierando, giocando al calcio, consumando, se lo desiderano, nei locali che già ci sono. Non comprendiamo quindi la necessità di appesantire con nuovi punti di ristoro una vita sociale che spontaneamente già esiste e che disturberebbero la quiete serale e notturna come invece purtroppo avviene in modo insopportabile in altre zone dell’Oltrarno (piazza S. Spirito, piazza del Carmine e vie adiacenti). Tra l’altro in Piazza Tasso e in Piazza del Carmine sono già in corso varie cause civili tra condomini ed esercizi di somministrazione".

Una lettera "dettata dalla lettura dell’articolo 8 dell’Avviso pubblico che disciplina l’orario delle attività e l’inquinamento acustico che queste attività comporterebbero aggiungendosi, tra l’altro, a quello già esistente".

La preoccupazione "La possibilità che vengano concesse deroghe per quanto riguarda l’inquinamento acustico in dispregio delle disposizioni comunali che ne fissano i limiti, ci riferiamo al PCCA (Piano comunale Classificazione Acustica), e inoltre l’orario di tale attività, termine alle ore 22, non è tassativo ma molto vago"

"Chiediamo al Sindaco, all’Assessore competente e alla Direzione ambiente a cui spetterà tecnicamente la facoltà di rilasciare deroghe al PCCA, di non concedere deroghe di nessun tipo ,e questo, nell’interesse legittimo della popolazione residente ad avere una vita serale e notturna non disturbata da inevitabili ulteriori rumori e prevedibili schiamazzi, che andrebbero anche per l’aggiunta di ulteriori punti di ristoro, ben oltre il limite stabilito in modo così vago. Al sindaco chiediamo, inoltre, che faccia rispettare in modo tassativo l’orario previsto dal bando, le ore 22".

Redazione Nove da Firenze