Rubrica — Spettacolo

Capodanno a Pisa con i tradizionali fuochi d’artificio sui Lungarni

Musica in due piazze: in quella dei Cavalieri Dario Ballantini e il suo omaggio a Lucio Dalla. Il Teatro Verdi mette in scena la celebre operetta “La vedova allegra”, ambientata negli anni ’50. Studiato il cenone con un menù dedicato per la serata


Pisa festeggia la notte di Capodanno nel salotto buono della città, la piazza dei Cavalieri a due passi da piazza dei Miracoli, con lo spettacolo di Dario Ballantini dedicato alla figura e alle musiche di Lucio Dalla. Dalle ore 22.30 il comico e imitatore renderà omaggio alla figura del grande cantautore con i suoi travestimenti e le sue celebri canzoni con lo spettacolo “Da Balla a Dalla”. In Logge di Banchi (piazza XX settembre) dalla stessa ora la protagonista sarà la Disco Music per ballare nell’attesa dello scoccare della Mezzanotte. Poi, dopo il brindisi di buon Anno, seguiranno gli spettacolari fuochi d’artificio sui Lungarni e musica per ballare nelle due piazze.

Capodanno a teatro con cenone e spettacolo. È la proposta del Teatro Verdi di Pisa che per la Notte di San Silvestro ha organizzato una serata originale con la messa in scena de “La vedova allegra”, con la novità di una ambientazione negli anni ’50, anni di boom economico, progresso e ottimismo, in cui i protagonisti si muoveranno in vespa, abbigliati secondo l’alta moda dell’epoca. Anche il menù della cena, a cura del Cafè Foyer, sarà in linea con il periodo scelto. Tra i protagonisti dell’operetta di Franz Lehàr, a cura della compagnia Corrado Abbati, Luca Mazzamurro, Daniela Pilla, Fabio Armiliato, Paola Sanguinetti, Domenico Menini, il Corpo di ballo “Il Balletto di Parma”, l’orchestra Città di Ferrara, diretta dal Maestro concertatore Lorenzo Bizzarri.

«Chiudere l’anno vecchio e iniziare il nuovo con ironia e la giusta dose di leggerezza era quello che volevamo – ha detto la presidente della Fondazione Teatro di Pisa, Patrizia Paoletti Tangheroni -. Per questo abbiamo scelto “La Vedova Allegra” e una formula originale a chi vuole passare un Capodanno diverso. Lo scorso anno per la prima volta sperimentammo con successo questa formula e volentieri l’abbiamo riproposta nella speranza di cogliere ancora nel segno e nel gusto del pubblico».

«Sono molto contento di questa proposta culturale e di intrattenimento alla città. Sarà senz’altro un momento bello da trascorrere in quella che è la casa della cultura per eccellenza, il teatro», ha detto Pierpaolo Magnani l’assessore alla cultura del Comune di Pisa.

«Auspichiamo in un successo della serata – ha detto il direttore artistico della stagione di prosa e danza, Silvano Patacca - alla luce anche dell’andamento positivo di questa stagione per quanto riguarda le proposte di prosa, danza e lirica che hanno fatto registrare sempre il tutto esaurito».

Per arrivare puntuali alla Mezzanotte con il tradizionale brindisi la scansione dei tempi della serata sarà rigorosa, con l’inizio della cena in sala Titta Ruffo alle ore 19.30 (ingresso del pubblico a partire dalle ore 19.00) e l’inizio dello spettacolo in teatro alle 21.30 con termine alle 23.30.

Redazione Nove da Firenze