Campagna social di Nidil Cgil Firenze: "Vorrei un panino e un ciclofattorino con tutti i diritti"

La campagna di sensibilizzazione invita a scrivere a Glovo tramite la App


 Nel settore del food delivery continuano a peggiorare le condizioni contrattuali dei ciclofattorini e la cessione di attività tra Foodora e Glovo sarebbe l’ennesimo episodio emblematico.

"Glovo ha preso le convenzioni di Foodora con i ristoranti e le app dei clienti lasciando senza lavoro i ciclofattorini (circa 200 a Firenze) nonostante le mobilitazioni dei lavoratori" spiega Nidil Cgil Firenze che assieme ai riders fiorentini, lancia una campagna per chiedere ai clienti e all’opinione pubblica di esprimere la propria solidarietà ai lavoratori mandando una segnalazione a Glovo.

"Glovo infatti come tutte le app del settore invita i clienti a mandare i propri feedback attraverso la app e il sito, dando peraltro la possibilità di ordinare “qualsiasi cosa”. I lavoratori sono persone che devono avere diritti e crediamo che una persona valga #piudiunpanino, per questo proponiamo ai clienti di ordinare provocatoriamente “un ciclofattorino con tutti i diritti” e usare tutti gli strumenti informatici per mandare questo feedback a Glovo".

Ecco i link per le segnalazioni online
https://glovoapp.com/en/fir/checkout
https://glovoapp.com/en/support

Da oggi parte la campagna social di pressione verso Glovo e nella Pagina Facebook “Firenze Riders” saranno via via pubblicate le prese di posizione di clienti e cittadini che vorranno sostenere questa campagna.
"Facciamo appello anche ai personaggi influenti del mondo della cultura, dello spettacolo, dello sport affinchè ci aiutino in questa battaglia" conclude Nidil Cgil Firenze.

Redazione Nove da Firenze