Caldo eccezionale in Siberia

Il Lamma Toscana analizza cause e conseguenze


Il Lamma Toscana riporta sulla propria pagina Facebook una interessante notazione sull'eccezionale caldo di questo 2020 in Siberia.

"Il 2020 passerà alla storia non soltanto per la pandemia globale, ma anche per l’eccezionale anomalia termica che da oltre 6 mesi insiste su una delle zone climaticamente più delicate del pianeta: la Siberia. Il 20 Giugno, nella cittadina di Verchojansk, si sono toccati i 38 °C, mentre in località prossime il mar glaciale i valori hanno spesso raggiunto, o superato i 30 °C. Per far capire l’eccezionalità delle temperature riportate basti pensare che a giugno le massime dovrebbero oscillare intorno ai 10-12 gradi in prossimità del Mare Artico, 15-18 °C nell’immediato entroterra e 20-23 °C nelle zone più continentali. Secondo uno studio condotto dalla World Weather Attribution (WWA) il caldo anomalo della prima metà del 2020 in Siberia si presenta meno di una volta ogni 80.000 anni. La WWA sottolinea inoltre che una simile configurazione atmosferica sarebbe stata quasi impossibile senza il contributo antropico". 

Redazione Nove da Firenze