"Buoni spesa, a Firenze c'è confusione"

Draghi (Fratelli d'Italia): “Tante mail e lamentele da parte dei cittadini, il Comune si contraddice su chi potrà ottenerli di nuovo”


“Da lunedì scorso si sono riaperte le possibilità per i cittadini in difficoltà di richiedere i buoni spesa; tuttavia non sono mancati alcuni problemi – lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia Alessandro Draghi –. I residenti che a dicembre hanno fatto richiesta, da lunedì provano a richiedere nuovamente i buoni spesa sul portale, tuttavia a conclusione dell'istanza appare una scritta: "errore" e la richiesta per questa categoria non può giungere a compimento. A tutto ciò si aggiunge che i cittadini dopo avere scritto alla mail dedicata per le informazioni hanno ricevuto una risposta secca: coloro che hanno chiesto e ottenuto i buoni a Dicembre non hanno diritto a richiederli.

Ma qualcosa non tornerebbe. Da quanto si apprende da link del comune di Firenze:

https://servizi.comune.fi.it/servizi/scheda-servizio/buoni-spesa-fondi-por-fse-di-regione-toscana

“possono accedere alle misure del presente avviso, nuclei familiari, anche monopersonali:
iscritti nell'anagrafe della popolazione residente nel Comune di Firenze al momento della richiesta che non abbiano già presentato domanda e ottenuto buoni spesa in riferimento all’avviso sui buoni spesa finanziato dal Governo e pubblicato il 4/12/2020”.

Tuttavia se si va a verificare ciò che riporta l'avviso (sempre presente sul sito), si legge: “Nel caso in cui alla data di chiusura del Servizio on line non si esaurissero i fondi, il Comune provvederà a ripartirli secondo un criterio che garantisca l’equa suddivisione fra coloro che hanno presentato domanda con esito positivo dell’istruttoria”. Perciò potranno beneficiare della ripartizione anche i cittadini che abbiano già presentato domanda e ottenuto buoni spesa in riferimento all’avviso sui buoni spesa finanziato dal Governo e pubblicato il 4 dicembre 2020”.

“Urge aggiornare le informazioni per non creare disappunti e colmare le criticità del servizio -conclude Draghi -: in più si evince che molti che ne avevano diritto già a dicembre sono rimasti tagliati fuori. Ritengo necessario che coloro che possiedono un Isee inferiore a 6.000 Euro abbiano la possibilità di riottenere i buoni anche se li hanno già avuti a dicembre. Le persone che sono in difficoltà estrema possono andare avanti altri due mesi? Non credo”.

Redazione Nove da Firenze