Batterio Klebsiella a Pistoia, in corsia lo screening dei contatti

Adottato protocollo aziendale sulla base delle linee guida nazionali a tutela dei pazienti e degli operatori


Nessun allarmismo all’Ospedale di Pistoia, anzi le procedure di prevenzione sono appunto finalizzate a contenere la diffusione delle patologie infettive in ambito ospedaliero. I batteri MDR - in italiano batteri multiresistenti- sono presenti in tutti gli ambienti ospedalieri, e quello di Pistoia risulta, ad oggi, avere una circolazione in linea se non addirittura inferiore rispetto agli altri Ospedali Toscani. La direzione sanitaria ha attivato le azioni previste, a seguito di un isolamento di KPC, sulla base di protocolli aziendali e in accordo con le linee guida nazionali con l’obiettivo primario di tutelare i pazienti ricoverati.

La situazione epidemiologica locale relativa ai batteri multiresistenti è assolutamente in linea con quella nazionale, ed è all’attenzione quotidiana degli operatori sanitari e della direzione sanitaria ospedaliera.

Quando necessario vengono attuate una serie di procedure (dall’utilizzo di materiali monouso ad attrezzature dedicate, all’isolamento in stanza singola del caso) tra le quali lo screening dei contatti come previsto dalle linee guida. Si tratta di procedure non invasive proposte e concordate con gli interessati. Solitamente nell’informazione, effettuata dagli operatori sanitari e dal personale della direzione sanitaria ospedaliera, sono coinvolti i familiari quando il ricoverato è in una particolare situazione di fragilità.

Tuttavia in virtù della segnalazione effettuata la direzione sanitaria ospedaliera si farà carico di migliorare ulteriormente l’attenzione alla comunicazione che probabilmente non è stata sufficientemente esaustiva nei confronti di alcuni familiari.

La direzione dell’Ospedale precisa che nei confronti dei familiari dei contatti sottoposti a screening, non è necessaria alcuna misura di tutela straordinaria rispetto alle normali norme igieniche, con particolare riferimento all’igiene delle mani e all’utilizzo dei gel alcolici presenti all’ingresso delle stanze di degenza.

Inoltre L'Ospedale di Pistoia, in linea con le direttive Aziendali e Regionali, affianca alle suddette misure, ulteriori azioni di controllo, quali, ad esempio, quelle finalizzate ad un uso appropriato degli antibiotici.

Redazione Nove da Firenze