Firenze, ecco la nuova ordinanza per le feste senza alcol, e attenzione ai botti

In vigore dal 14 dicembre al 6 gennaio, con orario 21 – 6, nel centro storico della città e al parco delle Cascine.


FINE ANNO —
Il prefetto Luigi Varratta ha firmato la nuova ordinanza antialcol. Un provvedimento “finalizzato – si legge nel testo – al miglioramento delle condizioni di ordine e sicurezza pubblica nel centro storico di Firenze” dove si sono verificati “ripetuti episodi di risse e aggressioni tra persone in stato di manifesta ubriachezza, nonché di gravi atti di vandalismo e disturbo della quiete pubblica, con danneggiamenti, anche al patrimonio artistico, provocati da bottiglie impiegate come strumenti di offesa”.
Sulla necessità di adottare nuovamente questa misura per contrastare l’abuso di bevande alcoliche ha espresso parere favorevole anche il comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica.
Dal 14 dicembre al 6 gennaio è quindi vietata, dalle ore 21 alle 6, la vendita (per gli esercizi commerciali) e la vendita per asporto (per bar, pub, circoli privati, strutture ricettive, discoteche e pubblici esercizi in genere) di alcolici di ogni gradazione, in qualunque contenitore, e di ogni altra bevanda in bottiglie di vetro. Il provvedimento riguarda ogni attività commerciale (in forma fissa, ambulante e anche attraverso i distributori automatici) in tutto il centro storico e nel parco delle Cascine, in un’area così delimitata: Viale Giovanni Amendola (incluso), Piazza Beccaria (inclusa), Viale Antonio Gramsci (incluso), Piazzale Donatello (incluso), Viale Giacomo Matteotti (incluso), Piazza della Libertà (inclusa), Viale Spartaco Lavagnini (incluso), Viale Filippo Strozzi (incluso), Viale Fratelli Rosselli (incluso), Piazzale di Porta al Prato (incluso), Viale Fratelli Rosselli (incluso), Piazza Vittorio Veneto (inclusa), Parco delle Cascine (tutta l’area compresa tra il Canale Macinante, il Torrente Mugnone, il Fiume Arno e la Piazza Vittorio Veneto), Piazza Taddeo Gaddi (inclusa), Via del Ponte Sospeso (inclusa), Piazza Pier Vettori (inclusa), Viale Raffaello Sanzio (incluso), Viale Aleardo Aleardi (incluso), Viale Vasco Pratolini (incluso), Piazza Torquato Tasso (inclusa), Viale Francesco Petrarca (incluso), Piazzale di Porta Romana (incluso), Viale Niccolò Machiavelli (incluso), Piazzale Galileo Galilei (incluso), Viale Galileo Galilei (incluso), Viale Michelangiolo (incluso), Piazza Francesco Ferrucci (inclusa).
Inoltre al parco delle Cascine sarà vietato anche detenere confezioni di bevande alcoliche che, per la loro quantità, non siano destinate esclusivamente all’uso personale

E c'è già chi pensa a fine anno, soprattutto al momento dei Botti di Capodanno. “Sono molto contento che per la prima volta si festeggi capodanno in piazza anche a Campi Bisenzio – ha detto il sindaco Emiliano Fossi – è un'occasione importante per stare insieme e trascorrere piacevolmente la serata del 31 dicembre. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno partecipato all'organizzazione e le Associazioni FareCentroInieme e la Scuola di Musica Blue Note di Campi Bisenzio. Si tratta di una serata completamente gratuita, cosa non da poco in questo periodo di difficoltà per molte famiglie. Voglio approfittare dell'occasione per sottolineare che non verranno esplosi fuochi d'artificio alla mezzanotte ed invito anche i partecipanti a fare altrettanto: non faremo un'ordinanza però. Cerchiamo di essere seri! Un'ordinanza del sindaco non ha alcun risvolto concreto. In un Paese che non riesce a combattere l'evasione fiscale secondo voi possiamo fare un'azione penale per chi accende un petardo a Capodanno? Non sono questi gli argomenti da ordinanze! Faccio invece un appello alla responsabilità dei cittadini e al rispetto degli animali (e anche degli umani, se permettete). Vale per i botti illegali, vale per le bottiglie di vetro, vale per tutto".

Redazione Nove da Firenze