Prato: operazione falsi residenti

Azione di Guardia di Finanza e Polizia municipale coordinate dalla Procura della Repubblica: 11 misure cautelari personali e 350 perquisizioni nei confronti di una associazione a delinquere, composta anche da italiani.


CINESI — 11 misure cautelari personali e 350 perquisizioni nei confronti di una associazione a delinquere, composta da italiani e cinesi, finalizzata all’indebito rilascio di certificazioni di residenza a favore di cinesi immigrati, previo pagamento di compensi illeciti ad un pubblico ufficiale. Dalle prime ore di stamani 300 agenti della Guardia di Finanza e della Polizia Municipale stanno eseguendo -sul territorio- una vasta operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Prato in pregiudizio di un sodalizio criminale, composto da italiani e cinesi che, attraverso la complicità di una funzionaria di Stato Civile addetta alle certificazioni di residenza, rilasciava illecitamente iscrizioni all’Anagrafe Comunale di cittadini stranieri di etnia cinese i quali corrispondevano denaro ed altre utilità in cambio dei “favori”.

L’indagine parte da un controllo interno di un Dirigente comunale, responsabile dell’Ufficio Anagrafe, che ha denunciato i comportamenti “anomali” di una dipendente addetta allo sportello. Da qui sono scattate le attività di p. g., attraverso riscontri interni al Comune di Prato ad opera della Polizia Municipale, e lo sviluppo di indagini tecniche da parte della Guardia di Finanza, che hanno consentito di individuare un gruppo criminale italo-cinese che sfruttava questo canale fornito dalla “dipendente infedele dell’Anagrafe” per gestire in modo sistematico e completamente inquinato l’affare delle residenze false, richieste da stranieri della comunità cinese da poco arrivati in Italia. Sostanzialmente, dall’indagine è emerso che:

- cinesi neo-arrivati sul territorio dello Stato (nel corso dell’indagine ne sono stati individuati circa 300) si rivolgevano a 7 connazionali, intermediari-collettori, fornendo loro passaporti e permessi di soggiorno e pagando tangenti da 600 a 1.500 euro, necessari per procedere all’iscrizione all’Anagrafe comunale di Prato, i 7 cinesi canalizzavano le richieste alla promotrice-capo dell’associazione, una ex dipendente comunale la quale, aiutata dai figli, incaricava O.A., Ufficiale dell’Anagrafe del Comune, di accettare le domande così come presentate, la dipendente comunale evitava sia di attivare la Polizia Municipale, per i controlli sulla effettività della dimora, sia di far firmare, in tempo reale, le dichiarazioni di residenza presentate, vista l’assenza dei richiedenti all’atto dell’iscrizione, utilizzando indirizzi di comodo (anche 10 persone per ogni recapito ufficiale) e rilasciando certificazioni e carte di identità ai cinesi neo-pratesi. Con questo sistema, in circa 8 mesi, l’organizzazione ha realizzato guadagni illeciti stimati tra i 180.000 ed i 450.000 euro, ripartiti in prevalenza tra la promotrice, l’amica - dipendente comunale infedele ed i 7 collettori – intermediari cinesi.


In riferimento all'operazione "Falsi residenti", il Comune fa sapere che: "E' grazie alla professionalità e all'impegno del responsabile dell'Ufficio Anagrafe e della Polizia municipale che si è potuti arrivare oggi, attraverso un percorso di assoluta riservatezza, a completare un'indagine complessa che ha portato ai vasti provvedimenti emanati dall'autorità giudiziaria. Il Comune vuole interpretare l'alto senso di responsabilità della propria dirigenza e riconoscerne l'assoluta fedeltà e lo spirito di servizio nell'interesse della comunità e del suo bene. Una collaborazione attiva e qualificata sul piano dell'anticorruzione che vede in prima linea gli operatori del servizio demografico e la Polizia municipale per quanto concerne il complesso fenomeno dell'immigrazione e l'intera struttura amministrativa che si schiera dalla parte dei cittadini e della legalità".

Stamattina, 80 pattuglie hanno disarticolato l’organizzazione criminale dei “falsi residenti”, dando esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emanata dal GIP del Tribunale di Prato nei confronti di P.I., classe 1954, promotrice dell’associazione, O.A., classe 1962, Ufficiale di Anagrafe del Comune di Prato, R.L., classe 1977 e C.F., classe 1989, figli – collaboratori della promotrice, X.Y., classe 1987, Z.M., classe 1981, L.F., classe 1986, Z.X., classe 1974, S.W., classe 1964, P.X., classe 1974, Y.W., classe 1995, ovvero i 7 cinesi intermediari. Contemporaneamente sono state effettuate perquisizioni personali e domiciliari nei confronti dei 300 cinesi falsi residenti, anche al fine di vagliare la loro posizione lavorativa e/o imprenditoriale ed i titoli di legittimazione a permanere sul territorio dello Stato.

Ieri pomeriggio a Firenze i poliziotti di quartiere e le moto volanti “Nibbio” hanno effettuato una serie di controlli nella zona di San Lorenzo identificando oltre 60 persone. Tra queste, 11 cittadini stranieri sono stati sottoposti a fermo per identificazione e 5 denunciate per la violazione degli obblighi sul soggiorno. Durante il servizio sono state effettuate verifiche anche negli Internet Point e nei Minimarket. L’attività ha interessato anche piazza Indipendenza e via Panicale.

Redazione Nove da Firenze