Accordo Quadro tra l’Istituto Geografico Militare e la regione Piemonte

Una collaborazione che prevede importanti novità nel settore geotopocartografico


ATTIVITÀ DELL'IGM — Un accordo tra l’Istituto Geografico Militare e la Regione Piemonte: lo hanno firmato giovedì 9 febbraio il Comandante dell’Istituto Geografico Militare, Generale di Brigata Giovanni Petrosino e il Vice Presidente della Regione, Ugo Cavallera. L’Accordo Quadro, valido per il triennio 2012-2015, è stato siglato nella sede regionale dell’Assessorato all’Urbanistica.

Il documento, sviluppato dall’Istituto Geografico Militare nella sua veste di Organo Cartografico dello Stato, mira a istituire e consolidare l’aggiornamento professionale del personale della Regione nel settore geotopocartografico e a definire le procedure operative per la produzione congiunta di dati planoaltimetrici, topografici e numerici, definiti nell’ambito dell’intesa Stato-Regioni-Enti Locali.

L’Accordo si attuerà attraverso specifici atti esecutivi: il primo è dedicato alla realizzazione di un modello digitale del terreno georeferenziato e multi-risoluzione nell’ambito del progetto transfrontaliero Italia-Svizzera HELIDEM.
L’accordo favorirà altresì la collaborazione nel campo della definizione di criteri e procedure standard per la produzione di carte topografiche, attraverso l’utilizzazione di data-base regionali, realizzando sinergie che consentiranno di disporre con immediatezza di dati aggiornati con tempi di produzione ridotti e con un notevole risparmio in termini di costi di realizzazione.

Soddisfazione è stata espressa dal Generale di Brigata Petrosino e dal Vice Presidente Cavallera per la firma dell’accordo che rinnova la proficua collaborazione già da tempo in atto tra le due istituzioni, adeguandola alle esigenze del territorio e dei cittadini, con l’ausilio delle moderne tecnologie.

Redazione Nove da Firenze