Un minuto di silenzio in memoria di Raciti: Anci Toscana rinnova l’appello

Appello ai Comuni e alle scuole per sostenere la richiesta alla FIGC in occasione dell’anniversario, domani, della morte dell’ispettore capo nei tragici scontri del 2 febbraio 2007 avvenuti all’esterno dello stadio Massimino di Catania


INIZIATIVE PER NON DIMENTICARE — “In occasione dell’anniversario della morte, domani 2 febbraio, dell’ispettore capo Filippo Raciti, vogliamo rinnovare l’appello ai Comuni toscani e alle scuole della regione a sostenere la richiesta alla FIGC di far osservare in sua memoria un minuto di silenzio prima della partita di calcio Catania-Palermo del 3 aprile 2011”.

Con queste parole Sabrina Sergio Gori, sindaco di Quarrata e responsabile Legalità di Anci Toscana, rinnova l’invito ai municipi toscani ad aderire all’iniziativa promossa da Anci Toscana, insieme ai Comuni di Firenze e Quarrata, e a cui ha subito dato la propria adesione anche il Comune di Livorno con il suo sindaco Alessandro Cosimi, presidente di Anci Toscana. In occasione della partita Catania-Palermo del 3 aprile 2011, che si giocherà a Catania, entrambe le tifoserie siciliane saranno riammesse allo stadio per la prima volta dopo i tragici scontri del 2 febbraio 2007, avvenuti all’esterno dello stadio Massimino, in cui perse la vita l’ispettore Raciti.

“Come Comuni vogliamo lanciare un segnale, in particolare ai giovani – prosegue Sabrina Sergio Gori – affinché il calcio torni a essere un momento di gioco e serenità e non di violenza. Per questo ci auguriamo che siano numerosi i Comuni toscani che avanzeranno la richiesta alla FIGC nazionale di far osservare un minuto di silenzio in ricordo della tragedia del 2007 a Catania”.

Redazione Nove da Firenze