Cassano alla Fiorentina (?)

La notizia è di quelle roboanti e l'eco persiste, sarebbe l'ultimo colpo sul mercato di riparazione del DS viola Pantaleo Corvino. Il "caso" Mutu ha infatti riaperto nelle ultime ore le trattative dichiarate oramai chiuse. Manca solo l'ufficialità


FANTAMERCATO — La notizia è rimbalzata così forte nelle ultime ore che l'han sentita praticamente tutti e persino i tecnici delle formazioni di Serie A che si sono scontrate in serata, Mazzarri per il Napoli e Gasperini per il Genoa (match terminato 0-0), hanno espresso una opinione in merito al possibile passaggio del fantasista da Genova a Firenze.

Sky ha confermato non solo la presenza di trattative in corso ma addirittura di un accordo già raggiunto in linea di massima. Si tratterebbe solo di far seguire alla bozza anche le varie ed eventuali, tra cui i diritti di opzione o il riscatto, parametri che solitamente seguono, nel protocollo, i contratti relativi a prestiti a titolo oneroso.

Quali le basi del possibile accordo? Da una parte una Società in cerca di un vice Mutu a scadenza del mercato di gennaio, quell'operazione che lo stesso Andrea Della Valle ha dichiarato esser di difficile compimento richiamando alla ribalta le potenti doti di quel Silvan capace di ogni magia contrapposte all'incommensurabile, ma sprovvisto di bacchetta, Pantaleo Corvino (premiato da Tuttomercatoweb quale miglior DS), dall'altra un calciatore messo ultimamente fuori rosa dal proprio allenatore, uno di quei campioni che non riescono a restare parcheggiati in un angolo ed hanno bisogno di esprimersi ai massimi livelli creando grattacapi a chi è chiamato a giudicarne l'idoneità a scendere in campo e giocarsi la storia e la gloria. Vedi Lippi, ma non solo.

Per Cassano si tratterebbe di un prestito, a breve termine, sino a giugno, tempo di tenerlo in forma e di continuare a valorizzarlo, sfruttando il calciatore in sostituzione del fenomeno rumeno, per il quale l'esito delle decisioni disciplinari appare difficile da pronosticare.
Nell'affare non solo Fiorentina e Sampdoria ma, anche una parte di Real Madrid che vanterebbe sul giocatore una sorta di clausola economicamente vantaggiosa in caso di cessione a terzi, pertanto il Club spagnolo tutelerebbe i propri interessi operando una sorta di veto sui possibili accordi effettuati in nome e per conto del talento barese.

Per Prandelli sarebbe una nuova sfida, l'occasione di misurarsi ancora una volta con le grandi doti di tecnico e di professionista dalle caratteristiche che tutti ormai riconoscono al Mago di Orz, una straordinaria umanità fuori e dentro al terreno di gioco, la diligenza del buon padre di famiglia che con intuito e fermezza riesce sempre ad ottenere il meglio dai propri ragazzi.

Per chiudere una simile trattativa con i crismi dell'ufficialità occorre mettere tutto nero su bianco e con ogni probabilità il tutto si può realizzare solo alla luce del sole. Ma nel frattempo tra le tante opinioni di questi minuti che guardano con scetticismo al nuovo arrivo, che auspicano un sodalizio valido e di buone speranze tra il calciatore e la piazza viola, c'è anche chi fantastica mirabolanti imprese, chi da sempre ammira il campione Antonio Cassano, genio e sregolatezza, mito e fantasia.

Ma nonostante il trambusto, nonostante il mercato abbia da sempre questo effetto quasi da massima competizione e valga bene o male anche il prezzo del biglietto, delle aspettative, dello spettacolo, per l'immediato la mente deve restare concentrata sul Cagliari di Allegri e su una classifica da scalare come fosse ogni tornante l'ultimo della Cima Coppi, con la grinta che solo una grande squadra può tirare fuori nel momento giusto.

Per il mercato e le dichiarazioni ufficiali, non resta che aspettare le prossime ore, senza dimenticare per coloro che già sognano, quella canzone del buon De Gregori "Buonanotte fra le stelle e la stanza, per sognarti, devo averti vicino, e vicino non è ancora abbastanza"


di Antonio Lenoci

Redazione Nove da Firenze