Azione Ncc contro i "tassisti-legislatori"

Il presidente Dell'Artino: “In un post si definiscono tali, è scandaloso. Stiamo valutando azioni legali”


Firenze, 16 ottobre 2020 - “E' un'affermazione scandalosa, che può avere serie conseguenze giuridiche”. Le imprese Ncc, attive nel trasporto con conducente, autoservizio pubblico non di linea, sono rimaste esterefatte nel leggere un post pubblicato il 7 ottobre da Uritaxi e firmato dal presidente nazionale Claudio Giudici, in cui l'Unione di rappresentanza italiana dei tassisti afferma di aver assunto in più occasioni nei tavoli di concertazione il ruolo di “legislatore”.

“E' di una gravità inaudita che il presidente nazionale del sindacato dei tassisti si definisca legislatore”, commenta Giorgio Dell'Artino, presidente di Azione Ncc. “Fa intuire che ci sia stato accordo con la politica, con il preciso scopo di mettere in crisi e danneggiare il mondo degli Ncc. E' moralmente disgustoso e inaccettabile che un settore possa, grazie alla propria forza rappresentativa, che deriva da una mera forza economica, decidere del futuro di un altro settore, che oltretutto è regolato dalla stessa legge.” Gli Ncc non rimarranno fermi di fronte a tali affermazioni: l'ufficio legale di Azione Ncc sta valutando di presentare un esposto in Procura.

Redazione Nove da Firenze