Asse viario Firenze-Prato: inaugurato il ponte sull'A1

Stamani l'inaugurazione della nuova opera di scavalco sulla Mezzana Perfetti Ricasoli renderà più agevoli i collegamenti nella Piana


E' stata inaugurata stamani la nuova opera di scavalco della Autostrada A1 (km 279+650), lotto 5B, dell'Asse stradale Mezzana Perfetti Ricasoli. Il nuovo tratto consentirà il collegamento tra via Allende nel Comune di Campi Bisenzio e Via Parri nel Comune di Sesto Fiorentino. La cerimonia si è svolta in prossimità della parte iniziale del cantiere, in via Parri, all'uscita della rotonda nel Comune di Sesto Fiorentino. L'opera è stata inaugurata dal Sindaco della Città Metropolitana Dario Nardella, dal Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, del consigliere metropolitano delegato alla viabilità nella Piana Sandro Fallani, dell'assessore regionale alla Viabilità Vincenzo Ceccarelli, alla presenza, tra gli altri, del Sindaco di Sesto Lorenzo Falchi, di Campi Emiliano Fossi e dei sindaci di Lastra a Signa Angela Bagni, Calenzano Riccardo Prestini e dell'assessore Di Natala di Signa, il Presidente del Consiglio comunale di Firenze Luca Milani.

Per il ponte Autostrade ha investito circa 6 milioni e 400 mila euro. La Città Metropolitana è stata la committente dell'opera, ha fatto la gara d'appalto e ha seguito i lavori e il collaudo. Con il precedente appalto è stato realizzato il tratto di strada su rilevato dalla rotonda di Via Parri nel Comune di Sesto Fiorentino fino all'autostrada e il tratto di strada su rilevato dalla rotonda di via Allende nel comune di Campi Bisenzio fino all'Autostrada, con una spesa complessiva pari a 5.500.000 euro (finanziati da Città Metropolitana di Firenze, Regione Toscana, Comune di Firenze, Comune di Prato, Comune di Campi Bisenzio, Comune di Sesto Fiorentino, Comune di Calenzano). Con il presente appalto sono stati collegati i due tratti di strada con l'opera di scavalco autostradale. Dunque la spesa complessiva è stata di 11.900.000 euro.

Il tratto di strada che viene aperto al transito veicolare ha una lunghezza di circa 1,5 km e costituisce il tratto mancante per scavalcare l'Autostrada A1 che collega i Comuni di Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio. Il viadotto in esame presenta due campate, ciascuna di luce pari a 66 metri. L'impalcato è costituito da un sistema misto acciaio-calcestruzzo. Ha una larghezza costante pari a 13,50 m per tutto lo sviluppo dell'opera. La struttura principale dell'impalcato è composta da due travi a doppio T ad anima verticale ottenute per composizione saldata di lamiere in acciaio corten S355, poste ad un'interasse di 7,50 m. Trasversalmente le travi principali sono collegate tra di loro da traversi ad anima piena in acciaio corten. L'impalcato è solidale alla sovrastante soletta in cemento armato, il cui spessore è pari a 25 cm. La soletta ha uno spessore pari a 25 cm ed è in conglomerato cementizio gettato in opera su predalles metalliche tralicciate. Le velette laterali sono anch'esse in lamiera di acciaio tipo corten. Il vincolamento dell'impalcato è composto da isolatori a scorrimento su superficie curva, detti pendoli attritivi. Dal punto di vista stradale, la sezione trasversale che ospita il piano viabile di larghezza pari a 10,50 m è composta da:

- due corsie di marcia da 3,75 m oltre banchine da 1,5 m
- due cordoli da 1,50 m ciascuno per l'alloggiamento della barriera di sicurezza, del parapetto e del marciapiede di servizio.

Le sottostrutture sono composte da due spalle e una pila in cemento armato ordinario gettato in opera. Le spalle, del tipo tradizionale in cemento armato presentano l'elevazione, che in pianta ha una forma a C, composta dal muro frontale di spessore costante pari a 2,30 m e dai muri laterali
che, invece, sono a spessore variabile, da 0,4 m in testa a circa 1,5 m alla base. Completano le spalle il plinto di fondazione che in pianta presenta una forma rettangolare di dimensioni 15,80 x 16 m, con spessore costante pari a 2,20 m. La fondazione di ciascuna spalla è realizzata con micropali aventi lunghezza di 18 m. La pila centrale è anch'essa in cemento armato gettata in opera, con l'elevazione formata da una lama di spessore pari a 1,30 m.. In verticale la sezione del fusto della pila è a sezione variabile con larghezza di 7,05 m alla base e 9,80 m in sommità. La fondazione è composta da un plinto, avente dimensioni in pianta di 12 m x 7,40 m e spessore 2 m. La fondazione è realizzata con micropali aventi lunghezza pari a 18 metri.

“Occasioni come queste sono il segno che se si è determinati i risultati si ottengono. Grazie a questo ponte sull’autostrada, adesso, è possibile aprire l’opera che collega Prato a Sesto Fiorentino in prossimità dell’ingresso del Polo universitario. E’ un passo in avanti per decongestionare un’area urbana, quella attorno alla città di Firenze, che, anche se con la tranvia ha migliorato il proprio assetto infrastrutturale ed i propri collegamenti, attende di essere ulteriormente migliorata e resa all’altezza delle necessità dei cittadini che vi abitano o vi gravitano”. ha affermato il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, intervenendo all’inaugurazione.

“E’ un’opera molto importante per questa zona”, ha affermato l’assessore ai Trasporti e alle Infrastrutture della Regione, Vincenzo Ceccarelli. “Con il completamento da parte di Autostrade del ponte sull’A1 è stato possibile inaugurare l’opera complessiva che, collegandosi al lotto 5A già aperto al traffico, consente adesso un collegamento diretto da Prato a Sesto”.

Il valore dell’intervento è di 7.768.529 euro, di cui 2.656.064 finanziati dalla Regione Toscana, 720.000 dalla Città metropolitana di Firenze, 65.073 dal Comune di Calenzano, 584.629 dal Comune di Campi Bisenzio, 1.489.461 dal Comune di Firenze, 461.196,01 dal Comune di Prato e 1.792.105 dal Comune di Sesto Fiorentino. Al totale completamento dell’asse stradale da Firenze a Prato mancano ancora i lotti 6 e 7.

🚀 DRONE | Inaugurato il Ponte sulla Mezzana Perfetti Ricasoli. Collega Campi Bisenzio e Sesto.

Redazione Nove da Firenze