"La scuola virtuale è una Matrix-School"

Il consigliere in Palazzo Vecchio Asciuti (Lega) è anche insegnante di scuola media e lancia un appello alla Ministra Azzolina: "La didattica a distanza è dannosa per i bambini. Facilita la distrazione, accumula stanchezza per la posizione fissa davanti agli schermi e rende problematiche le verifiche"


Andrea Asciuti, consigliere comunale della Lega a Firenze, nonché insegnante di scuola media, si rivolge alla Ministra della Scuola Lucia Azzolina chiedendole di ripensare la strategia complessiva sul futuro dell'istruzione in Italia. "Per il rientro a scuola dei nostri ragazzi - spiega Asciuti -  il ministro Lucia Azzolina ha ipotizzato di dividere le classi: "metà degli studenti a scuola per metà settimana, poi l'altra metà" e da casa "collegati a distanza". Il ministro ha affermato che la DAD (Didattica A Distanza) è "stata un successo, se si pensa da dove siamo partiti".

Caro Ministro, - attacca Asciuti - mi permetto di intervenire, non solo come consigliere comunale, ma anche in qualità di insegnante di scuola media: la didattica a distanza che Lei ha prospettato, pure per l'anno prossimo, è dannosa per i bambini, sia sotto l'aspetto relazionale pedagogico e psicologico, che dal punto di vista della capacità di attenzione, per non parlare della salute. Una scuola virtuale o meglio una Matrix-School non è assolutamente scuola, e per vari motivi: facilita la distrazione dei ragazzi, accumula stanchezza a causa della posizione fissa davanti agli schermi, in casi estremi giunge a provocare insonnia, e rende problematiche le verifiche, in quanto i ragazzi, pur essendo lontani fra loro, possono scambiarsi facilmente tutte le informazioni.

Da consigliere ho chiesto all'amministrazione comunale di provvedere agli alunni disagiati economicamente (che verrebbero segnalati dai dirigenti scolastici) e di farsi carico del pagamento di ricariche per il traffico internet.

Perché chiedere alle famiglie di sostenere questa spesa anche per il prossimo anno? Il Governo sta pagando centinaia di esperti e non riesce neanche a copiare gli altri paesi? Bisogna pensare a un ritorno in sicurezza dei nostri figli, con tamponi e test sierologici a tappeto e l'utilizzo di mascherine ffpp3. In altre parole bisogna entrare nell'ottica di una convivenza con il virus. A febbraio sono stato tra i primi sostenitori dei provvedimenti restrittivi, ma solo per un mese, il tempo cioè di organizzarsi per convivere con l’epidemia. Bloccare per mesi aziende e scuole, non assicurando alcuna certezza, è un suicidio per tutta l’Italia.

Dobbiamo imparare dall’esperienza, dagli errori, non dobbiamo prenderci in giro: i fallimenti, ovvero la DAD, vanno abbandonati e non coltivati".

Redazione Nove da Firenze