Arrestati dalla Finanza due corrieri della droga con due chilogrammi di cocaina

La Squadra Mobile della Polizia sequestra 65 grammi di droga: una semplice segnalazione anonima tramite l’APP della Polizia di Stato ha permesso di catturare un altro pusher


Nei giorni scorsi, i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno tratto in arresto per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio 2 cittadini stranieri (K. K, 35enne nato in Albania e residente ad Asti e S.M., 25enne nata in Germania ma di nazionalità Greca), che a bordo di un SUV, con targa olandese, trasportavano 2 kg di cocaina. Nello specifico, i militari del 2° Nucleo Operativo Metropolitano di Firenze, in attività di controllo del territorio volto, nello specifico, al monitoraggio della circolazione di autovetture di grossa cilindrata circolanti sul territorio nazionale aventi targa estera, in virtù delle recenti innovazioni legislative contenute nel c.d. “Decreto Sicurezza”, avente la finalità di evitare fittizie immatricolazioni estere, fermavano il SUV con a bordo la coppia di stranieri. Questi si mostravano subito nervosi e non davano chiare indicazioni su dove fossero diretti e per quali circostanze. Per cui i finanzieri approfondivano i controlli sulle persone e sull’autovettura, anche con l’ausilio di un’unità cinofila, che permetteva di rinvenire sopra il portellone posteriore, all’interno del tettuccio dell’autoveicolo, un profondo doppiofondo che poteva essere aperto automaticamente dall’interno dell’autoveicolo dal tasto dello sbrinamento del lunotto posteriore. All’interno dell’intercapedine erano occultati 2 panetti di cocaina purissima che avrebbero permesso il confezionamento di oltre 15.000 dosi di stupefacente per un corrispondente valore, sul mercato dello spaccio, di oltre € 600.000.

Ieri pomeriggio la Polizia di Stato ha arrestato un pusher di cocaina. L’uomo, un cittadino marocchino di 40 anni, è stato sorpreso a spacciare due grammi e mezzo di droga; subito dopo gli agenti della Squadra Mobile hanno scoperto altre 46 dosi dello stesso stupefacente, nascoste in mezzo al sedile anteriore della sua autovettura. Ancora una volta l’attività investigativa è partita grazie ad una delle tante segnalazioni anonime ricevute dalla Sala Operativa della Questura di Firenze tramite l’APP “YOU POL”. L’applicazione permette a tutti - giovani e adulti - di inviare tramite smartphone messaggi e foto alla Polizia di Stato, per segnalare episodi di bullismo o, come in questo caso, di spaccio di sostanze stupefacenti. Individuata l’auto del sospetto, attraverso una serie di servizi di osservazione, gli agenti l’hanno rintracciata nei giorni scorsi nei pressi della fermata degli autobus al casello Firenze Impruneta. Passato qualche minuto si è avvicinato alla macchina un altro automobilista ed è avvenuto uno scambio di qualcosa all’interno dell’abitacolo. La polizia ha fermato l’acquirente sequestrando una dose di cocaina. La stessa scena si è ripetuta qualche giorno dopo: nella circostanza gli agenti hanno controllato un altro consumatore, sequestrando, anche in questa occasione, una dose della medesima droga. Ieri pomeriggio in una stradina secondaria della stessa zona è avvenuto ancora un altro episodio. La Squadra Mobile ha identificato e bloccato subito il pusher e il suo cliente che questa volta aveva acquistato due dosi di cocaina per 190 euro. L’acquirente (come nei casi precedenti) è stato segnalato quale assuntore di sostanza stupefacente, mentre nei confronti dello spacciatore sono scattati una serie di controlli approfonditi che grazie all’infallibile fiuto di “OCAR” e “EVIVA” - due dei cani poliziotti antidroga della Questura di Firenze - hanno permesso di scovare oltre 62 grammi di cocaina ben nascosti nell’autovettura. Il 40enne marocchino è finito in manette con l’accusa di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Redazione Nove da Firenze