Rubrica — Fiorentina

Analisi pre-gara: Fiorentina, una teoria su come affrontare le trasferte

Immagine concessa da violachannel.tv
Immagine concessa da violachannel.tv

Alle ore 15 verrà disputata a San Siro il match Milan-Fiorentina


Il problema trasferta prende sempre più le sembianze del tabù e nella testa dei giocatori potrebbe affacciarsi l’argomento superstizione. Qualcosa deve bloccare quei meccanismi che influenzano le gare disputate fuori casa. Forse prescindono da qui le mancanze criticate con asprezza in quest’ultimo periodo?

Sicuramente hanno dimostrato di avere una sofferenza psicologica che acuisce il sentimento percettivo bene-male tipico dei giovani, dando come risultato annientamenti mentali che fanno vedere tutto grigio. Poi comincia l’attesa incosciente dello stimolo giusto per cambiare, per riaccendere la miccia. L’ultimo match giocato al Franchi ha dimostrato proprio questa teoria, è stato la testimonianza pratica di un’evoluzione crescente: una transizione che doveva esserci. Infatti la Fiorentina ha vinto ma non convinto.

Milano non rappresenta il famigerato “luogo preferito” dalla viola. Certo sono arrivate delle vittorie, eppure quando mette piede sul manto erboso di San Siro gli inconvenienti sembrano essere dietro l’angolo. I gigliati, se vogliono uscire coi 3 pt, dovranno fare del cinismo (non inteso nel suo significato ”propriamente detto” filosofico) la loro arma acuminata; dovranno aggredire i punti deboli dei rossoneri senza esclusione di colpi e dovranno trasformare raziocinio e disinteresse nelle loro virtù morali. Inoltre fissare concetti chiari, precisi, come dogmi intoccabili, che portino ad uno scopo realizzabile e soprattutto fattibile: cioè costruirsi una sensazione “casalinga”.

In tal modo, non sapendo gestire l’autocontrollo, potrebbero utilizzare il luogo per abitudine affiancato ai giovani, in poche parole “il sogno”, immaginando una sorta di realtà parallela che comunque non li stacchi dalla realtà decretata oggettiva. Così conterrebbero il problema che gli affligge da quasi metà campionato e affronterebbero con lucidità la partita.

Alla fine parleranno i fatti.

La lista dei convocati viola per la sfida contro il Milan:
Benassi, Biraghi, Brancolini, Ceccherini, Chiesa, Dabo, Dragowski, Eysseric, Fernandes Edimilson, Hugo, Hancko, Lafont, Laurini, Milenkovic, Mirallas, Norgaard, Olivera, Pezzella, Pjaca, Gerson, Simeone, Thereau, Veretout, Vlahovic.

Fiorentina — rubrica a cura di Manuel Cordero

Manuel Cordero

Manuel Cordero — Nato a Firenze nel 1995, è appassionato di giornalismo, di calcio e tifoso

E-mail: fiorentina@nove.firenze.it