Allagamenti da temporale: strade sott'acqua a Firenze

Bomba d'acqua nel primo pomeriggio in città e alcuni tombini non hanno retto. Chiuso il sottopasso di piazza Paolo Uccello. Caduti due rami ma senza danni. Traffico in tilt. Allerta fino alle 21:00. Stella (FI): "Ogni volta città allagata, Publiacqua renda conto della sua attività. La società cura manutenzione pozzetti e caditoie. Chi ha subito danni si rivolga a loro"


Firenze, 2 settembre 2019- Bomba d'acqua nel primo pomeriggio a Firenze: alcuni tombini non hanno retto e diverse strade, specialmente nella zona della Fortezza da Basso, sono rimaste allagate. Disagi, negozi da ripulire e macchine in coda o in difficoltà per via dell'acqua alta in via delle Carra, nell'area tra piazzale Montelungo e viale Strozzi, viale Redi, via Circondaria e strade limitrofe, via Pisana. Piano piano la situazione è tornata o sta tornando alla normalità ma non è stato un pomeriggio facile in diverse strade della città.

Come sottolinea poi una nota del Comune, la chiusura temporanea del sottopasso di piazza Paolo Uccello, alcune strade momentaneamente allagate, nessun incidente e due rami caduti senza danni. Sono queste le conseguenze del forte temporale che poco dopo le 15 si è abbattuto sulla città. Le zone maggiormente interessate sono state quelle del Quartiere 4 (Isolotto, via Pisana, via Baccio da Montelupo e piazza Paolo Uccello con chiusura momentanea del transito nel sottopasso) e del Quartiere 1 (zona viale Belfiore-piazzale Porta a Prato, via Toselli, piazza Puccini). Alla centrale operativa della Protezione civile sono arrivate due segnalazioni di criticità in zona Belfiore-Guido Monaco e via delle Carra per allagamenti: su entrambe le segnalazioni sono subito partiti gli interventi del Global Service. Si registrano due rami caduti, senza danni. “Insieme alla sala operativa della Protezione civile – ha detto la vicesindaca e assessora alla protezione civile Cristina Giachi - stiamo monitorando l’evolversi delle condizioni meteo e terremo informati i fiorentini”.

L’allerta codice giallo (in corso dalle 13 di oggi) per temporali forti e per il rischio idrogeologico/idraulico nel cosiddetto “reticolo minore” (che comprende i corsi d'acqua secondari: in particolare Ema, Mugnone e Terzolle) proseguirà fino alle 21.

"La società incaricata della manutenzione dei pozzetti e delle caditoie a Firenze è Publiacqua. Non è possibile che ogni volta che c'è un acquazzone la città si allaghi. Publiacqua renda conto alla cittadinanza e alle istituzioni della sua attività". Lo chiede il vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia), dopo che in diverse zone di Firenze si sono allagate strade, sottopassi, ma anche garage e cantine, a seguito del temporale che si è abbattuto sulla città nel pomeriggio. "Qualsiasi azione qualcuno volesse intraprendere per i danni subiti - aggiunge Stella - deve essere verso il soggetto che ha in carico il servizio, dunque Publiacqua SpA, che invitiamo a rendere note nei dettagli le sue attività di pulizia di tombini e caditoie. Andare avanti così non è possibile. E non ci si dica che mancano i soldi per le attività di manutenzione, visto che negli ultimi cinque anni Publiacqua ha realizzato utili record per 135 milioni di euro, avendo bollette per i cittadini tra le più care d'Italia".

Redazione Nove da Firenze