Red Carping: il 27 giugno 2008 a Piazza Poggi (sotto la torre di San Niccolò)


L'evento patrocinato dal Comune di Firenze, dall'Assessorato alla Cultura e inserito all'interno della manifestazione Fiesta, consiste in 6 defilé della durata di 15 minuti, ideati e sviluppati dal Corso triennale di Design della moda di ISIA e sostenuto dai direttori di ISIA e Polimoda, Stefano Bettega e Linda Loppa.
Il progetto nasce dalla volontà degli studenti del Corso Triennale di Design della Moda di appropriarsi di uno spazio all'interno della città, con l'obiettivo di mostrare ai suoi abitanti le creazioni realizzate durante l'anno accademico 2007-08. Red Carping si svolgerà durante tutta la giornata, sotto gli occhi di una città che cambia, con eventi-sfilata dalle 8.30 alle 22.30.
Il corso Triennale di Design della Moda – istituito dal Ministero dell'Università e della Ricerca – nasce due anni fa dalla collaborazione di ISIA e Polimoda. L'obiettivo è quello di formare, attraverso un percorso improntato alla ricerca e alla sperimentazione, giovani creativi capaci di gestire l'intero processo di sviluppo del progetto/prodotto moda.
L'evento si inserisce all'interno di un progetto più ampio, quello di un magazine semestrale dal titolo Stories on. I tre concepts di questo primo numero sono “Cities”, “Autobiographies” e “Dreams”.
Tale progetto è stato elaborato dagli stessi studenti durante il corso in Linguaggi della pubblicità e del consumo, tenuto dalla docente Giulia Reali.
La città diventa così protagonista: il red carpet esce dai luoghi convenzionali per essere steso sul suolo cittadino, all'interno delle strisce blu di un parcheggio.
L'idea infatti è quella di usare questo piccolo spazio e stravolgerne la funzione: i 2,5 x 5 m del posto auto diventano la "passerella" sulla quale sfilano 6 modelle che indossano le creazioni degli studenti. I capi sono giacche in pelle realizzate nel corso di Design della Moda (già esposte durante il Fuorisalone di Milano nell'istallazione White Carpet) e abiti che nascono dalla rielaborazione di una camicia.
Tutto quello che avviene sulla passerella avrà tutti i crismi di una sfilata tradizionale. Tutto intorno, la città.
L'evento viene accompagnato dal dj set di Roberta WjM Andreucci, che propone una musica contaminata dai suoni e dai rumori della città.
Il progetto sarà documentato da un reportage fotografico che verrà inserito nel magazine Stories on; gli scatti mostreranno i diversi momenti della giornata che saranno scanditi dai passanti diretti verso i propri appuntamenti: l'entrata al lavoro, la pausa pranzo, l'aperitivo etc.

Redazione Nove da Firenze