Libri: la traduzione dell'Iliade in idioma toscano


Giovedì 28 febbraio, alle ore 17, alle Giubbe Rosse, caffè storico-letterario di Firenze, Mario Geymonat e Albert Gardin presenteranno il volume, fresco di stampa, "ILIADE DI OMERO IN IDIOMA TOSCANO" di Giacomo Casanova. Pochissimi sanno che Giacomo Casanova, noto soprattutto come il re della seduzione, fu autore, tra l'altro, di due traduzioni dell'Iliade, una prima in veneziano e una "idioma toscano" (in italiano). Queste due traduzioni del poema greco ci aiutano a capire meglio la complessità di un personaggio che non smette mai di sorprendere per la sua vasta, variegata e modernissima produzione letteraria. La presentazione dell'"Iliade di Omero in idioma toscano" alle Giubbe Rosse è anche un omaggio a Firenze dove Casanova pensò di riffugiarsi per dedicarsi interamente allo studio e alla scrittura del poema omerico.
L’importanza di quest’opera non sta solo nella leggiadra traduzione dei versi omerici, ma dall’imponente apparato di note critiche e meditazioni sul ruolo del traduttore, scritte da Casanova stesso con il suoi stile fluido e brillante che invita a proseguire la lettura, che ci permettono di capire l’atteggiamento che un intellettuale del secolo dei lumi poteva avere nei confronti del grande classico della letteratura greca. In questo volume sono ripodotti tutti i tre tomi con i libri dal I al XVII, mentre il XVIII, mai pubblicato dall’autore, viene quì riproposto con la riproduzione del manoscritto originale e la relativa trascrizione a fronte in caratteri moderni. Un’opera indispensabile che conferma ancora una volta, se ce ne fosse stato bisogno, la grandezza letteraria e intellettuale di Giacomo Casanova, viniziano.

Redazione Nove da Firenze